La guida dinamica del
corpo umano
cerca
nell'atlante
cerca
nelle patologie

Atlante Anatomico » Patologie » MORBO DI ALZHEIMER

MORBO DI ALZHEIMER

La malattia di Alzheimer deve il suo nome allo scopritore Alois Alzheimer che nel 1906 evidenziò delle alterazioni nel tessuto cerebrale di una donna morta per una strana malattia mentale. E' la forma più comune di demenza senile, le normali funzioni cerebrali si deteriorano ed il paziente ha difficoltà nel condurre le normali attività della vita quotidiana.

Nel cervello di un malato di Alzheimer si evidenziano placche amiloidi o placche senili (ammassi extracellulari di corpi dendritici, assonali e gliali aggregati tra di loro) e ammassi neurofibrillari (fasci di filamenti presenti nel citoplasma dei neuroni che avvolgono il nucleo) ed inoltre è presente una pronunciata atrofia corticale che determina deterioramento a livello cognitivo, della memoria e del linguaggio.

Tra le strutture cerebrali le più colpite risultano essere:

  • Lobo frontale, il quale influenza l'attività motoria e l'organizzazione del comportamento
  • Parte anteriore del lobo temporale, il quale è deputato al controllo delle sensazioni tattili e della percezione dello spazio
  • Lobo parietale, il quale è delegato al controllo sensorio del corpo e alla capacità di maneggiare gli oggetti

Nella malattia di Alzheimer si osserva una perdita di cellule nervose nelle aree cerebrali vitali deputate alla memoria e si riscontra l'alterazione di alcune sostanze chimiche, i neurotrasmettitori (acetilcolina), coinvolti nella comunicazione tra le cellule nervose (neuroni).

CAUSE

I fattori di rischio maggiormente coinvolti in questa malattia sono:

  • Età (è colpita 1 persona su 20 tra quelle che hanno superato i 65 anni di età)
  • Sesso (il numero delle donne affette è sempre superiore rispetto al numero degli uomini, probabilmente questo è legato alla maggiore longevità delle donne)
  • Fattori genetici (è stato scoperto un collegamento tra il cromosoma 21 e la malattia di Alzheimer, non a caso i soggetti Down hanno maggiori probabilità di ammalarsi se raggiungono la maggiore età.
  • Iperomocisteinemia (amminoacido solforato associato a malattie cardiovascolari e cerebrovascolari)
  • Scolarità (i soggetti con alta scolarità e i soggetti con un elevato impegno intellettivo presentano un minor rischio di sviluppare l'Alzheimer
  • Ipercolesterolemia, ipertensione arteriosa, diabete ed obesità

DIAGNOSI

La diagnosi di Alzheimer certa si può fare solo dopo la morte, infatti oggi si parla di Alzheimer possibile, quando i sintomi del paziente possono anche essere dovuti ad altra causa e Alzheimer probabile, quando non si riesce ad individuare nessun'altra causa.

La diagnosi si effettua somministrando al paziente test riguardanti la memoria, la capacità di risolvere problemi, l'attenzione e il linguaggio. A questi vanno affiancati esami come TC (Tomografia Computerizzata) e Risonanza Magnetica che esaminano anatomicamente il cervello.

TERAPIA

La terapia farmacologica mira a regolare i neurotrasmettitori come l'acetilcolina e attualmente i farmaci più usati sono: Donezepil (Aricept), Galantamina (Reminyl) e Rivastigmina (Exelon).

SINTOMI

I sintomi iniziali di questa malattia sono:

  • Perdita della memoria di fatti recenti
  • Perdita della voglia di vivere
  • Difficoltà nell'imparare cose nuove e fissarle nella memoria
  • Difficoltà nel trovare le parole
  • Diminuzione della concentrazione
  • Il paziente si disorienta facilmente, anche nei luoghi che gli sono familiari
  • Non prendere decisioni
  • Dimenticare di pagare
  • Perdere le cose e riporle nel posto sbagliato

Col passare degli anni i sintomi diventano più specifici e più gravi per il paziente, inizia ad avere alterazioni del comportamento, può accusare, minacciare, imprecare, mordere, gridare e graffiare. I pazienti possono infine avere allucinazioni, manie e possono comportarsi impulsivamente.

I medici consultabili appartengono ad una libera scelta di abcsalute.it e non sono integrati nella sintergia "Atlante Anatomico Dinamico" con l'Università LA SAPIENZA

Consulta i medici

Consulta gli articoli

Neuropatia è il termine generico per indicare la sofferenza di nervi periferici

Neuropatia è il termine generico con cui si indica la sofferenza di una fibra nervosa: può avere una causa meccanica,…

Neurologia cura il sistema nervoso

La Neurologia è la branca della medicina proiettata sulle patologie organiche del Sistema Nervoso Centrale e cioè al…

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 11/12/2016