Indietro

Ulcera gastrica: erosione o perforazione della mucosa gastrica, causata da acidi, bile e pepsina nello stomaco

clicca per votare





Ulcera gastrica Ulcera gastrica Dolore addominale Dolore addominale Cibo consigliato Cibo consigliato


Scritto da

Gaia Cortese, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)


Pubblicato il 06/08/2010

Modificato il 06/08/2010

L'ulcera peptica è sempre una lesione circoscritta dei tessuti che coivolge una zona del tratto digerente e assume nomi differenti a seconda della localizzazione. L’ulcera gastrica è una lesione delle pareti dello stomaco a causa dell’azione esercitata sulla mucosa gastrica da acidi, pepsina (enzima presente nello stomaco e che dà inizio alla digestione delle proteine) e bile.
I sintomi dell’ulcera gastrica comportano vomito e un dolore che insorge nella regione superiore dell’addome, poco dopo aver mangiato; si può manifestare sotto forma di semplice erosione della mucosa, ma possono anche verificarsi varie complicazioni tra cui emorragie, perforazioni e occlusioni dovute alla cicatrizzazione dei tessuti.
Di recente è stato dimostrato il coinvolgimento dell'Helicobacter Pylori nella manifestazione della lesione. Si tratta di un batterio che ha nella mucosa dello stomaco il suo habitat ideale, che produce metaboliti tossici e che con il tempo può causare danni alle cellule: se è controverso il suo coinvolgimento nella dispepsia, ossia il cosiddetto “mal di stomaco”, è invece accertata la sua responsabilità nello scatenarsi della gastrite cronica e della sua degeneraziona ulcerosa, gastrica e duodenale.

 

Sintomi da non sottovalutare.
Per attenuare i sintomi vengono consigliati farmaci antiacido, ma se l’ulcera persiste, è opportuno un intervento chirurgico. Dal momento che il tumore allo stomaco si manifesta con sintomi simili a quelli dell’ulcera gastrica, è sempre consigliabile effettuare una endoscopia, al fine di accertare, senza possibilità di equivoci, la reale natura dei disturbi.

 

Una dieta contro l’ulcera.
L’ulcera gastrica è una di quelle malattie per cui va prescritta una dieta che riduca la secrezione acida dello stomaco. Tra gli alimenti consigliati ci sono: pane secco, cracker, fette biscottate, pasta, cereali, semolino, latte, formaggi freschi non fermentati (mozzarella, mascarpone, stracchino, fontina…), carne di vitello, pollo, coniglio, manzo o maiale magri, prosciutto cotto e crudo magri, pesce fresco bollito, al forno o alla griglia. Da evitare assolutamente i fritti, caffè, vino, bevande gassate, liquori ed alcolici, e anche i succhi di frutta troppo acidi, spezie e cioccolato. Ci sono anche delle verdure da evitare e, in genere, la verdura cruda non è ben tollerata: rape, porri, cavolo, cavolfiore, pomodori, asparagi, finocchi, melanzane, peperoni e ravanelli dovrebbero sparire dalla tavola.

 



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 07/12/2016