Indietro

Osteoartrosi: malattia degenerativa della cartilagine delle articolazioni

clicca per votare





Degradamento articolazioni Degradamento della cartilagine difficoltà Un sostegno in più Falangi Falangi


Scritto da

Daniela Gallotti, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)


Pubblicato il 05/08/2010

Modificato il 05/08/2010

L'osteoartrosi è una malattia degenerativa delle articolazioni che interessa principalmente la cartilagine: nella sua progressione l'osteoartrosi coinvolge anche il tessuto osseoarticolare, provocando l'ispessimento di alcune aree (osteosclerosi), la formazione di cavità ossee (geodi) e di sporgenze. Le lesioni ossee, sinoviali e capsulari sono ad ogni modo secondarie e più rare rispetto alle alterazioni della cartilagine, che resta la più colpita dalla malattia.

 

Le differenze tra osteoartrosi e artrite reumatoide.
Mentre l'artrite reumatoide è un fenomeno infiammatorio cronico e progressivo, l'osteoartrosi può anche non manifestare infiammazione. Non solo: l'artrite reumatoide colpisce principalmente la membrana sinoviale (ossia la membrana che riveste la superficie interna delle capsule articolari), mentre l'osteoartrosi – come abbiamo detto – interessa la cartilagine. Tra l'altro l'osteoartrosi è una malattia provocata essenzialmente dall'età e dall'usura delle articolazioni, mentre l'artrite reumatoide può colpire anche in età più giovane.
Si parla di osteoartrosi primaria quando è legata ad un'alterazione metabolica della cartilagine articolare e di artrosi secondaria quando c'è correlazione con altre patologie di natura genetica, traumatica, metabolica, endocrina e infettiva.
La famiglia delle osteoartrosi può comprendere le più svariate manifestazioni anche perché può colpire tutte le articolazioni, da quelle strutturali e quelle più piccole: falangi delle mani, articolazioni del piede, ginocchia, spalle, tratti cervicale e lombare della colonna vertebrale, dischi intervertebrali.

 

La diagnosi: sintomi e esami.
Visto il suo polimorfismo, l'osteoartrosi può dare i sintomi più diversi, ma i più frequenti sono dolori, limitazione nei movimenti e rigidità mattutina delle articolazioni. Al contrario di quanto di pensi, l'osteoartrosi non è irreversibile ed è possibile attivare i meccanismi di autoriparazione delle articolazioni. La miglior cura resta comunque la prevenzione, con il controllo del peso corporeo, la correzione di disturbi metabolici (come il diabete mellito) o vascolari, l'adozione di posture corrette, soprattutto con la schiena, e la riduzione del rischio di traumi, alterazioni ai tendini o ai legamenti o addirittura di fratture.
Per la diagnosi l'esame più efficace resta la radiologia tradizionale; valide anche l'ecografia articolare e la scintigrafia ossea, mentre non è sempre esaustiva l'artroscopia. L'uso della risonanza magnetica, per quanto utile per la valutazione, è spesso limitato per via dei costi.

 



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 09/12/2016