Indietro

Epilessia: sindrome neurologica caratterizzata da attacchi improvvisi

clicca per votare





Sonno Sonno Encefalo Encefalo


Scritto da

Daniela Gallotti, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)


Pubblicato il 05/08/2010

Modificato il 05/08/2010

L'epilessia è una sindrome caratterizzata da frequenti episodi convulsivi e crisi che possono essere sensitive (allucinazioni), psichiche (con modificazioni della coscienza), motorie (con movimenti disorganizzati) o neurovegetative, dalla manifestazione improvvisa e appunto ricorrente: la causa è un'eccessiva attività elettrica corticale e le scariche possono essere localizzate o interessare tutto l'encefalo.

 

Le forme di epilessia.
Vista la diversità delle manifestazioni è più corretto parlare di epilessie: sono definite essenziali le forme di epilessia la cui causa sia identificabile, soprattutto su base genetico-familiare, mentre si parla di epilessie acquisite se l'origine è legata a cause pre o post-natali (traumi, infezioni, malformazioni, tumori). In ogni caso è presente una predisposizione all'abbassamento della soglia convulsiva.
L'epilessia temporale è la forma più frequente. Si usa poi chiamare “grande male” l'epilessia con attacchi (rari) in cui il soggetto emette un grido, perde coscienza, cade a terra, manifesta un irrigidimento del corpo (con chiusura della mandibola che rischia di morsicare la lingua), seguito da una serie di movimenti violenti e ritmici degli arti: queste crisi possono durare alcuni minuti e si chiudono con una fase di sonno. Si definisce, invece, “piccolo male” o assenza un episodio molto breve di perdita di coscienza che colpisce bambini tra i 4 e i 14 anni, dura pochi secondi e si ripete più volte nel corso della giornata: di norma spariscono spontaneamente con la crescita, ma possono anche evolvere in “grande male”.

 

Quando si scatenano le crisi epilettiche e come curarle.
La maggior parte delle forme di epilessia si sviluppa in età evolutiva: per quasi tutti i bambini che sviluppano questa epilessia infantile l'evoluzione della malattia è benigna, mentre le epilessie che esordiscono in età adulta sono più complesse.
Sono contesti che facilitano l'innescarsi delle crisi di epilessia l'età infantile, le ore notturne, il sonno, la pubertà, le mestruazioni, la ritenzione idrica, ma nel momento specifico l'evento scatenante può essere uno stimolo visivo o uditivo, una lettura, l'ascolto di un brano musicale, l'atto del mangiare, uno stato emotivo o di ansia.
La terapia a base di farmaci antiepilettici va studiata, nelle dosi, a seconda del paziente e non va mai sospesa, nemmeno in gravidanza; dopo due o tre anni senza crisi è possibile ridurre i farmaci.

 

 



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 03/12/2016