Indietro

Flutter e fibrillazione anomalie del ritmo cardiaco

clicca per votare





Cuore Il flutter Flutter Contrazione atriale Cuore schema flutter Impulsi elettrici al cuore


Scritto da

Francesco S. Cantù, giornalista pubblicista (Ordine giornalisti della Lombardia) tessera N° 118321


Pubblicato il 08/10/2009

Modificato il 08/10/2009

Il flutter, simile alla fibrillazione atriale, è caratterizzato da scariche elettriche eccessivamente rapide che causano una contrazione molto veloce degli atrii, alcuni impulsi elettrici fanno contrarre i ventricoli più rapidamente e con minore efficienza rispetto alla norma. Il flutter e la fibrillazione atriale sono aritmie che si verificano più frequentemente negli anziani e che possono essere intermittenti o prolungate. Si verificano delle contrazioni atriali così rapide che le pareti degli atrii vibrano senza produrre una contrazione efficace, con un conseguente pompaggio insufficiente del sangue nei ventricoli.

 
Durante il flutter, il ritmo atriale è regolare, ma il ritmo ventricolare può essere regolare o irregolare, mentre durante la fibrillazione atriale, il ritmo atriale e quello ventricolare sono irregolari. In entrambi i casi i ventricoli battono più lentamente rispetto agli altrii e il loro svuotamento nei ventricoli è incompleto. Nel tempo, una certa quantità di sangue tende a ristagnare negli atrii con la possibile formazioni di trombi. Spesso, dopo la fine della fibrillazione, il trombo può rompersi, sia spontaneamente, sia grazie alla terapia e i suoi frammenti possono passare nel ventricolo sinistro, essere trasportati in circolo dal flusso ematico, causando delle embolie e ostruendo le piccole arterie. In seguito all’occlusione di un’arteria cerebrale, si verifica un ictus, ma raramente un ictus rappresenta il primo sintomo di un flutter o di una fibrillazione atriale. Sia il flutter che la fibrillazione atriale possono verificarsi anche in assenza di altri sintomi cardiaci. Queste aritmie sono spesso causate da ipertensione, febbre reumatica, coronopatie, abuso di alcol, ipertiroidismo o cardiopatie congenite. 


Domande più frequenti

1. Quali sono i sintomi del flutter e della fibrillazione atriale?
Spesso sono dovuti alla velocità di contrazione ventricolare. Nei soggetti con fibrillazione atriale il polso è irregolare e di solito rapido. In quelli affetti da flutter atriale il polso è regolare e rapido. La ridotta capacità di pompaggio del cuore può causare debolezza, svenimento e difficoltà respiratorie. Alcuni soggetti, specie gli anziani, possono presentare scompenso cardiaco o dolore toracico.

2. Qual è la diagnosi del flutter o della fibrillazione atriale?
L’elettrocardiografia (ECG) li conferma entrambi.

3. Quali sono i trattamenti?
In caso di flutter o di fibrillazione atriale il cardiologo somministra dei farmaci, quali digossina o beta-bloccanti per ristabilire il normale ritmo cardiaco e altri farmaci anticoaugulanti per prevenire la formazione di trombi ed embolie.

4. Il flutter e la fibrillazione atriale possono scomparire spontaneamente?
Queste aritmie possono convertirsi spontaneamente in un ritmo cardiaco normale, tuttavia non capita spesso.

5. È possibile morire di flutter?
La morte immediata di un individuo non è direttamente associata al flutter atriale.

6. Quando insorge il flutter?
Di solito in pazienti affetti da cardiopatia con dilatazione atriale, processi infiltrativi atriali, pericardite, insufficienza respiratoria o in pazienti che hanno subìto di recente un intervento chirurgico.

7. Quanto dura il flutter?
In certi casi il flutter atriale, se non curato, dura a lungo, mesi o addirittura anni, ma il suo sviluppo è verso la fibrillazione atriale.

8. Perché occorre intervenire subito?
Il trattamento del flutter deve essere tempestivo, soprattutto in caso di concomitante cardiopatia per evitare complicanze.

9. Come?
Le terapie dipendono dalle condizioni cliniche del soggetto e vanno dalla cardioversione elettrica a basso voltaggio, all'uso di farmaci antiaritmici (betabloccanti, calcioantagonisti o digitale per rallentare la frequenza ventricolare; chinidina per ristabilire il ritmo sinusale; chinidina, flecainide, propafenone e amiodarone per prevenire eventuali recidive), fino al posizionamento di un pace maker.

10. Quali sono i fattori di rischio di trombosi per quei soggetti cha hanno fibrillazione e flutter atriale?
Tra i fattori di rischio vi sono l’età avanzata, l’ipertensione arteriosa, il diabete, la dilatazione dell’atrio sinistro e una cardiopatia organica soprattutto della valvola mitrale.




Fonti:

Rook A. "Textbook of Dermatology" - Fourth Edition Blackwell Scientific Publ. 1986
Caputo R., Monti M. "Manuale di Dermocosmetologia Medica" - Raffaello Cortina Editore 1995
A. Haynal, W.Pasini "Medicina Psicosomatica" - Ed. Masson, 1999
Crepaldi C., Baritussio A. "Trattato di Medicina Interna" - Ed. Piccin Nuova Libraria S.P.A., 2002
Beers M.H. "Il Manuale Merck per la Salute" - Raffaello Cortina Editore 2003
Kidd E.A.M., Smith B.G.N., Watson T.F.  "Pickerd's Manual of Operative Dentistry" - Eighth Ed. Oxford Univ. Press 2003
Janis J. E. "Essentials of Plastic Surgery" - QMP, Inc. 2006
Jackson T.L. "Moorfields Manual of Ophthalmology" - Mosby Elsevier Ed. 2007
Caruso A. "Manuale di ginecologia ed ostetricia" - CIC Ed. Intern. 2008
Harrison's "Principles of Internal Medicine" - Mc Graw-Hill Ed. 2008
AA.VV. "Enciclopedia della medicina" - De Agostini 1990
Rothenberg Robert E. "Enciclopedia della medicina" - Garzanti 1998
Galimberti U. "Enciclopedia di psicologia" - Garzanti 1999





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 06/12/2016