Indietro

Tachicardia: accelerazione del ritmo cardiaco pari o superiore a 90-100 battiti al minuto

clicca per votare





Mal di testa e tachicardia Mal di testa e tachicardia Battiti durante la gravidanza Battiti durante la gravidanza Tachicardia in menopausa Tachicardia in menopausa


Scritto da

Gaia Cortese, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)


Pubblicato il 07/06/2010

Modificato il 07/06/2010

La tachicardia è un’accelerazione patologica del ritmo cardiaco oltre i valori normali di un soggetto, in genere pari o superiore ai 90-100 battiti al minuto in condizione di riposo. Nella normalità i battiti cardiaci aumentano quando si fa uno sforzo, sotto stress, in gravidanza o per assunzione di caffeina. La tachicardia si manifesta con sudorazione fredda, mal di testa, perdita di conoscenza, vertigini, palpitazioni, ipotensione marcata. Nei casi più gravi si può arrivare ad uno stato di incoscienza, stato in cui il cuore potrebbe arrestarsi (arresto cardiaco).

 

Sintomi diversi per differenti forme di tachicardia
Esistono molte forme di tachicardia, distinte in base alla causa scatenante e alle condizioni con cui si manifesta, ma si possono sommariamente distinguere alcune importanti tipologie: tachicardia sinusale, tachicardia ventricolare e sopraventricolare, e tachicardia atriale. Una forma particolare di tachicardia sinusale è il cardiopalmo, la spiacevole sensazione definita come "cuore in gola", ossia la percezione chiara e intensa del proprio battito cardiaco. Le conseguenze più gravi della tachicardia riguardano lo scarso afflusso di sangue e ossigeno al corpo, infatti, l’accelerazione cardiaca implica un pompaggio ridotto di sangue: il cuore non ha abbastanza tempo per riempirsi di sangue se i battiti sono troppo ravvicinati.
La tachicardia è spesso una manifestazione collaterale di altre patologie o stati psicofisici: si accompagna infatti all'ansia, all'insonnia, alla depressione e agli attacchi di panico; sono anche molti i soggetti affetti da ernia iatale o da artrosi cervicale, così come le donne in menopausa, a dichiarare di soffrire di fenomeni di tachicardia.

 

Tachicardia: cosa fare
Occorre sempre conoscere la causa scatenante di cui la tachicardia è solo una manifestazione. Certe forme di tachicardia non richiedono alcun trattamento, mentre in altri casi è necessario intervenire all'origine, anche farmacologicamente. Si possono eseguire pure manovre che abbassano la frequenza cardiaca come l'espirazione forzata a glottide chiusa (manovra di Varsalva), l'applicazione sul viso di acqua fredda o di un sacchetto del ghiaccio, il massaggio o la compressione monolaterale della carotide e bilaterale dei bulbi oculari. Nei casi più gravi, si rende necessaria l'iniezione di medicinali contro l'aritmia o l’utilizzo del defibrillatore.



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 11/12/2016