Indietro

Ictus: lesione cerebrale a causa di un vaso sanguigno occluso

clicca per votare





Parte del cervello colpita Parte del cervello colpita Fumo e ictus Fumo e ictus Antiaggreganti come possibile soluzione Antiaggreganti come possibile soluzione


Scritto da

Gaia Cortese, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)


Pubblicato il 07/06/2010

Modificato il 07/06/2010

L’ictus è causato nel 90% dei casi da una riduzione del flusso sanguigno (ischemia) e nel restante 10% dalla rottura di un vaso sanguigno (emorragia). Ischemia o emorragia causano una mancata ossigenazione della parte del cervello nutrita dal vaso ostruito o danneggiato, che in una decina di minuti va incontro a necrosi. La parte coinvolta di solito è posta nella parte destra o nella parte sinistra del cervello e per questo motivo anche i sintomi sono lateralizzati. Si può perdere la sensibilità o accusare una paralisi in un lato del corpo o del viso, avere difficoltà nel linguaggio, perdere coscienza, avere una visione sdoppiata.

 

Non sempre l’ictus si manifesta allo stesso modo
Se l’ictus ischemico è transitorio si tratta di TIA (Transient Ischemic Attack): in questo caso i sintomi si risolvono in 24 ore e, se riconosciuti in tempo, permettono di prevenire il manifestarsi di un ictus. In alcuni casi l’ischemia colpisce una parte cerebrale meno sensibile e l’ictus può non causare sintomi e passare inosservato.

 

Sintomi e post ictus cerebrale
L’aterosclerosi è la principale patologia che causa l’ictus cerebrale. I vasi sanguigni che portano sangue al cervello, in particolare le carotidi, possono essere occlusi da placche che, lacerandosi improvvisamente, formano coaguli che vanno ad occludere i capillari che arrivano alle diverse parti del cervello. Farmaci antiaggreganti e contro la trombosi rappresentano la terapia per curare l’ictus cerebrale. Quando l’ictus causa un danno permanente del tessuto nervoso è la terapia riabilitativa che può migliorare la situazione dal momento che altre regioni cerebrali possono attivarsi per sostituire in parte la funzionalità persa.


I fattori di rischio
Alcune persone sono più soggette al rischio di ictus: se alcuni fattori di rischio non sono modificabili (come l'età, il sesso, l'ereditarietà, la razza o la posizione geografica), altri invece sono suscettibili di azioni preventive. Il rischio di ictus aumenta infatti nei fumatori, con un'incidenza che varia a seconda dell'età; chi beve non più di due unità giornaliere di alcol (un'unità corriponde a un bicchiere di vino o a una lattina di birra), risulterebbe più protetto nei confronti dell'ictus, mentre chi supera le sette unità giornaliere corre un rischio di ictus tre volte superiore.
Il rischio è anche associato a patologie come il diabete: vista la tendenza all'ipercoagulabilità, il paziente diabetico corre un rischio 4 volte più alto di ictus rispetto a un soggetto sano. Sono comunque l'ipertensione e le cardiopatie ad aumentare l'incidenza dell'ictus: la fibrillazione atriale è la causa dell'85% dei casi di ictus ricondicibili ad aritmie cardiache; dopo un infarto, il rischio di ictus cresce dell'1-2% all'anno. Non è stato ancora dimostrato, invece, il nesso tra elevati valori di colesterolo e ictus.



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

  • il 21/08/2014

    giovanna26 ha commentato:


    La riabilitazione intensiva ha l'obiettivo di aumentare l'autonomia delle persone disabili e migliorare le abilità motorie e di movimento, le capacità orali e di autogestione. Questo comporta un notevole miglioramento della qualità della loro vita e dei famigliari. Scambiatevi le informazioni sulle possibilità di riabilitazione al centro medico Adeli.

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 08/12/2016