Indietro

La ginecomastia si supera anche con la chirurgia estetica

clicca per votare





Mammella maschile La mammella maschile Ginecomastia La ginecomastia Obesità infantile Ginecomastia in aumento


Scritto da

Francesco S. Cantù, giornalista pubblicista (Ordine giornalisti della Lombardia) tessera N° 118321


Pubblicato il 06/10/2009

Modificato il 06/10/2009

La ginecomastia è una condizione maschile caratterizzata da uno sviluppo anomalo di mammelle. Normalmente durante la pubertà anche nel ragazzo vi è uno sviluppo della ghiandola mammaria che però poi si atrofizza, ma in certi casi ciò non avviene, procurando un seno al ragazzo con inevitabili e gravi ripercussioni psicologiche. I processi che portano alla ginecomastia sono dovuti all’incapacità del fegato di eliminare gli estrogeni in eccesso o nel caso di iper conversione del testosterone.

 

In certi casi la ginecomastia interessa anche l’uomo adulto, infatti alcuni trattamenti ormonali per curare i tumori della prostata, oppure l’assunzione di anabolizzanti per uso sportivo possono indurre ginecomastia (indotta o acquisita). La ginecomastia può essere anche dovuta a fattori genetici, in certi casi è associata ad altri stati patologici, per esempio la sindrome di Klinefelter, oppure dovuta a un accumulo di tessuto adiposo nella zona mammaria (ginecomastia falsa).

 

A volte un soggetto può essere interessato contemporaneamente da ginecomastia vera e falsa. Nel caso di ginecomastia vera si può ricorrere a inibitori degli estrogeni quali il tamoxifene o l’anastrozolo, ma se questi farmaci non dovessero risultare efficaci per non compromettere la propria psiche, così danneggiata da una mascolinità con peculiarità femminili, si può ricorrere alla chirurgia estetica con un’operazione altrettanto valida per la ginecomastia falsa. Si tratta di un intervento che elimina sul torace dell’uomo, al di dietro dei capezzoli, il tessuto mammario o adiposo eventualmente presente.


Domande più frequenti

1. Un uomo può vivere serenamente anche se ha problemi di ginecomastia?
La ginecomastia non è pericolosa per il corpo quanto per la mente: un uomo con un seno, anche se poco pronunciato, può avere gravi disturbi sia nella sfera sociale sia in quella affettiva. Il problema è molto sentito anche dagli adolescenti.

2. La ginecomastia è diffusa?
Soprattutto per quanto riguarda la ginecomastia falsa, infatti dieta scorretta, sedentarietà e cattiva alimentazione con il conseguente aumento di adolescenti sempre più obesi presuppone che in futuro si assisterà a un ulteriore diffusione del problema, soprattutto nei paesi industrializzati.

3. Come si interviene in caso di ginecomastia falsa?
In caso di eccesso di tessuto adiposo viene eseguito un intervento di liposuzione, in anestesia locale o generale, in regime di day surgery o con un breve ricovero.

4. E quando il soggetto presenta una ginecomastia sia vera sia falsa?
Quando la ginecomastia è provocata da un eccesso di tessuto ghiandolare e adiposo può essere necessario oltre alla liposuzione anche l'asportazione chirurgica del tessuto ghiandolare in eccesso o l'asportazione chirurgica della ghiandola stessa attraverso una incisione periareolare. In questo caso l’operazione necessita di anestesia generale con una giornata di degenza o in day hospital e dopo l'intervento il torace viene fasciato con una medicazione compressiva.

5. Quali sono le analisi obbligatorie per l’intervento chirurgico?
Emocromo completo, azotemia, creatinina, glicemia, transaminasi, elettroliti, P.T., P.T.T., fibrinogeno, elettrocardiogramma, Rx del torace. È richiesta anche un’ecografia mammaria per valutare la quantità di tessuto adiposo e ricercare eventuali anomalie della ghiandola.

6. Quali precauzioni prendere prima dell’intervento?
Evitare l’aspirina per 2 settimane prima e 2 settimane dopo l’intervento poiché l'acido acetilsalicilico riduce la capacita di coagulazione del sangue e facilita il sanguinamento.

7. Che cosa avviene dopo l’intervento?
Dopo l’operazione si ha un gonfiore nella regione pettorale che diminuisce dopo il terzo o quarto giorno fino a scomparire del tutto dopo una ventina di giorni. La medicazione compressiva viene rimossa dopo 48-72 ore e viene sostituita da una fascia elastica che si deve portare per circa un paio di settimane. I punti di sutura vengono rimossi dopo 10-15 giorni.

8. In che cosa consiste la fase post operatoria?
In un riposo assoluto per i primi due o tre giorni, mentre bagno o doccia sono autorizzati solo dopo due settimane. Di dolore se ne sente poco, peraltro lenito da comuni analgesici.
Se il lavoro non è sedentario il paziente ha bisogno di un riposo più lungo.

9. Quando è possibile riprendere le attività sportive?
Dopo un mese e mezzo dall’operazione.

10. Quanto costa l’intervento?
Di solito dai 4 ai 5.000 Euro.




Fonti:

Rook A. "Textbook of Dermatology" - Fourth Edition Blackwell Scientific Publ. 1986
Caputo R., Monti M. "Manuale di Dermocosmetologia Medica" - Raffaello Cortina Editore 1995
A. Haynal, W.Pasini "Medicina Psicosomatica" - Ed. Masson, 1999
Crepaldi C., Baritussio A. "Trattato di Medicina Interna" - Ed. Piccin Nuova Libraria S.P.A., 2002
Beers M.H. "Il Manuale Merck per la Salute" - Raffaello Cortina Editore 2003
Kidd E.A.M., Smith B.G.N., Watson T.F.  "Pickerd's Manual of Operative Dentistry" - Eighth Ed. Oxford Univ. Press 2003
Janis J. E. "Essentials of Plastic Surgery" - QMP, Inc. 2006
Jackson T.L. "Moorfields Manual of Ophthalmology" - Mosby Elsevier Ed. 2007
Caruso A. "Manuale di ginecologia ed ostetricia" - CIC Ed. Intern. 2008
Harrison's "Principles of Internal Medicine" - Mc Graw-Hill Ed. 2008
AA.VV. "Enciclopedia della medicina" - De Agostini 1990
Rothenberg Robert E. "Enciclopedia della medicina" - Garzanti 1998
Galimberti U. "Enciclopedia di psicologia" - Garzanti 1999





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 09/12/2016