Indietro

Noduli alla tiroide: cause e sintomi

clicca per votare





Cause e sintomi del nodulo alla tiroide

Ecografia nodulo tiroideo Ecografia nodulo tiroideo Tiroide Tiroide Nodulo tiroideo Nodulo tiroideo


Scritto da

Prof. Francesco Lippi


Pubblicato il 26/07/2012

Modificato il 10/04/2017

Le principali cause dei noduli alla tiroide sono la familiarità, la genetica e la sporadicità perché, a differenza di chi ha ragioni genetiche, ci sono pazienti che non hanno nessun motivo per avere un problema di questo genere.


Ci sono inoltre cause oggettive che a distanza di tempo possono determinare la comparsa della patologia endocrinologica, come ad esempio le irradiazioni sul collo specie se subite in età giovanile, e fattori ambientali come il vivere in zone carenti di iodio.

Dal punto di vista statistico, la prevalenza del nodulo tiroideo nella popolazione è di circa il 10%. Se pensiamo invece alle casistiche radiologiche, cioè ecografiche, e autoptiche arriviamo anche al 50%, mentre il carcinoma tiroideo ha una prevalenza intorno a 3 carcinomi su 1000 noduli.

Sintomi e diagnosi dei noduli alla tiroide

Chi ne soffre non di avere il problema perché il nodulo tiroideo è asintomatico: non dà fastidio, non dà dolore, non dà segni né da ipo né da ipertiroidismo e talvolta non è neppure palpabile. Soprattutto se è già presente un gozzo, quindi una tiroide aumentata di dimensioni, è difficile per il paziente sapere se al suo interno è presente un nodulo. È molto più facile individuare il nodulo se si presenta isolato: l’uomo può notarlo facendosi la barba e la donna quando massaggia il collo truccandosi o guardandosi allo specchio.

I noduli alla tiroide sono più frequenti nella popolazione femminile rispetto a quella maschile, perché nelle donne l’incidenza della produzione estrogenica è maggiore essendo fondamentale. Tra i sintomi del nodulo alla tiroide c’è la mobilità, la capacità di muoversi che lo differenzia dagli altri noduli del collo.

In casi estremi, quando i noduli raggiungono dimensioni particolarmente grandi ed evidenti, possono cominciare a infastidire e provocare un senso di costrizione, difficoltà a respirare e a deglutire.

Dopo aver riconosciuto i sintomi, il medico curante deve eseguire una diagnosi in tempi brevi per accertarsi del disturbo e inviare subito il paziente dallo specialista endocrinologo per i primi controlli.

Dal punto di vista ecografico, è importante rilevare il contorno dei noduli alla tiroide: l’orletto periferico netto e ben delineato non è segno di un carcinoma tiroideo; al contrario, un nodulo circondato da un alone sfrangiato e senza margini ben definiti potrebbe essere il sintomo di un tumore endocrinologico.

Il sospetto è acuito dalla presenza, nell’ecografia, sia di micro-calcificazioni, cioè di piccoli spot che hanno l'aspetto del sale che si butta sull'uovo, sia di una vascolarizzazione superiore alla norma all’interno del nodulo tiroideo: il sangue non dovrebbe circolare all’interno dei noduli alla tiroide ma solo alla periferia.





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 24/11/2017