La guida dinamica del
corpo umano
cerca
nell'atlante
cerca
nelle patologie

Atlante Anatomico » Patologie » SINDROME METABOLICA

SINDROME METABOLICA

La sindrome metabolica è una condizione clinica associata a situazioni come il sovrappeso e l'obesità. La classificazione della popolazione in base al peso viene fatta utilizzando l'indice di massa corporea, BMI, considerato il più rappresentativo della presenza di grasso corporeo in eccesso. IL BMI si calcola con la seguente formula:

  1. peso (in Kg)/quadrato dell'altezza (in metri).

Le classi sono le seguenti:

  • <18,5 sottopeso
  • 18,5-24,9 normopeso
  • 25-29,9 sovrappeso
  • >30 obesità

Il termine metabolica si riferisce ai processi biochimici coinvolti nel normale funzionamento del corpo ma tale malattia è conosciuta anche con altri nomi:

  • sindrome X
  • sindrome da insulino-resistenza
  • sindrome dismetabolica
  • sindrome dell'obesità
  • sindrome di Reaveu

CAUSE

In generale un paziente con sindrome metabolica ha un rischio due volte maggiore di sviluppare malattie cardiache e cinque volte maggiore di sviluppare malattia diabetica rispetto ad una persona senza fattori di rischio. Ulteriori cause di questa sindrome sono:

  • l'età (la prevalenza aumenta con l'età)
  • la razza (gli ispanici e gli asiatici sono più a rischio)
  • l'obesità
  • familiarità per diabete o diabete gestazionale (durante la gravidanza)
  • altre malattie come l'ipertensione arteriosa e la sindrome dell'ovaio policistico.

DIAGNOSI

La sindrome metabolica viene diagnosticata quando il paziente presenta almeno tre di questi fattori di rischio per patologie cardiovascolari:

  • obesità addominale, circonferenza addome superiore a 88 cm per le donne è 102 cm per i maschi
  • glicemia a digiuno superiore a 110 mg/dl (valori normali 70-110 mg/dl)
  • pressione arteriosa superiore a 135/85 mmHg
  • valore dei trigliceridi superiori a 150 mg/dl
  • colesterolo HDL inferiore a 50 mg/dl della donna è inferiore a 40 mg/dl nell'uomo.

TERAPIA

Fare più attività fisica, dimagrire e smettere di fumare contribuiscono ad abbassare la pressione sanguigna e a migliorare i livelli di colesterolo e zucchero nel sangue.

Se il paziente non è in grado di cambiare lo stile di vita, il medico può decidere di somministrare farmaci antipertensivi (in grado di ridurre i valori della pressione arteriosa), farmaci che controllano il valore del colesterolo totale nel sangue, farmaci insulino-sensibilizzanti per aiutare l'organismo ad usare l'insulina (ormone prodotto dal pancreas che ha il compito di immagazzinare gli zuccheri nel fegato e nei muscoli) in modo più efficace ed infine somministrare l'aspirina può contribuire a ridurre per il paziente il rischio di andare incontro ad infarto o a ictus.

I medici consultabili appartengono ad una libera scelta di abcsalute.it e non sono integrati nella sintergia "Atlante Anatomico Dinamico" con l'Università LA SAPIENZA

Consulta i medici

Dr Ruggero Grazioli
Scienza dell'alimentazione
Brescia (BS)
Avatar
Laurea: 31/03/1980 - Medicina e Chirurgia (Padova)

Consulta gli articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 03/12/2016