Indietro

La pulizia dei denti per combattere la placca batterica

clicca per votare





Pulizia denti Lo spazzolino Igiene orale Pulizia dei denti Filo interdentale Il filo interdentale Studio dentistico Igiene orale


Scritto da

Francesco S. Cantù, giornalista pubblicista (Ordine giornalisti della Lombardia) tessera N° 118321


Pubblicato il 01/10/2009

Modificato il 01/10/2009

La pulizia dei denti e delle gengive è molto importante perché preserva i denti da gravi malattie che possono portare alla loro morte e perdita. Una corretta pulizia dei denti permette di contrastare efficacemente la placca batterica, principale causa di carie, tartaro e altre patologie.

 

Purtroppo è ancora diffusa una tecnica errata di spazzolamento dei denti: sono molti coloro che adoperano lo spazzolino da destra a sinistra e in su e in giù, che non serve a niente, anzi favorisce la diffusione della placca e provoca dei danni alle gengive. Per il corretto uso dello spazzolino questo deve essere invece posizionato perpendicolarmente alla gengiva con spazzolamento dalla gengiva al dente e non viceversa. In sostanza i denti superiori si puliscono verso il basso, quelli inferiori verso l’alto. L’operazione deve essere eseguita anche nella parte interna dei denti, spesso trascurata. Per quanto riguarda i molari devono essere puliti dal dietro verso l’avanti e viceversa e poi, conclusa quest’operazione, con il solito movimento laterale atto a pulire gli interstizi dentali. La pulizia dei denti e delle gengive riguarda anche la lingua che viene quasi sempre dimenticata. Pulire la lingua elimina miliardi di batteri responsabili dell’alitosi.

 

Lo spazzolino è il principale strumento per la pulizia dei denti e deve avere una testina che riesca a raggiungere facilmente ogni parte della bocca, e va cambiato dopo circa 2 mesi. Il filo interdentale serve a eliminare la placca tra un dente e l’altro, altrimenti impossibile da rimuovere con lo spazzolino. Va ricordato che occorre strofinare i denti con il filo in modo delicato e non forte, poiché utizzandolo con violenza può causare lesioni alle gengive. I denti e la lingua vanno puliti dopo ogni pasto, prima di dormire e al risveglio. Oltre alla corretta igiene domestica è utile recarsi dal dentista ogni 6 mesi non solo per un controllo generale della bocca, ma anche per una più profonda e professionale pulizia dei denti soprattutto in quei punti inaccessibli che sia lo spazzolino sia il filo non riescono a pulire in modo efficace.


Domande più frequenti

1. Quanti minuti occorrono per spazzolare efficacemente i denti?
Circa due minuti, al di sotto di questo tempo è difficile eliminare completamente la placca batterica dai denti e dalle gengive.

2. Che tipo di durezza devono avere le setole artificiali?
Una durezza media, a meno che il dentista non ne prescriva un altro con setole di durezza morbida o dura.

3. È vero che lo spazzolino elettrico è dannoso?
Un tempo lo si riteneva tale, mentre oggi la letteratura ci dice che è meglio di quello manuale, a patto che abbia una testina tonda con movimento rotatorio-oscillante. Comunque dev’essere utilizzato in maniera appropriata altrimenti può provocare danni ai denti e soprattutto alle gengive. Il dentista indicherà come impiegarlo al meglio.

4. Che tipo di dentifricio utilizzare?
Uno al fluoro. Il fluoro esercita un’azione protettiva, antisettica e remineralizzante sullo smalto dentale.

5. Quali sono le zone che si trascurano di più quando ci si lava i denti?
Oltre alla lingua occorre porre attenzione alla zona interna superiore destra e a quella sinistra se si è mancini.

6. Quando occorre passare il filo interdentale?
Alla fine di ogni spazzolatura.

7. È necessario anche il collutorio?
Se si utilizzano correttamente spazzolino, filo e puliscilingua non è necessario l’uso del collutorio, ma se lo si vuole usare di certo non fa male.

8. Come si fa a pulire la lingua?
Con lo spazzolino da denti o con un puliscilingua. Spazzolare la lingua riduce la quantità di placca batterica nel cavo orale. La lingua va tirata fuori dalla bocca il più possibile e quindi spazzolata. Chi è affetto da alitosi dovrebbe farlo più volte al giorno.

9. Che cos’è l’alitosi?
L’alitosi altro non è che l’alito cattivo causato da residui di cibi tra i denti, carie non curate e scarsa igiene orale. L’alitosi può essere provocata anche da patologie quali diabete, insufficienza epatica o renale, anemie. L’alitosi da cibo, tipo quella che ragalano aglio e cipolle, è solo temporanea.

10. Quante volte all’anno occorre recarsi dal dentista per sottoporsi a una pulizia professionale?
Almeno due volte all’anno, i fumatori accaniti dovrebbero farsi pulire i denti dal dentista almeno 3-4 volte l’anno.




Fonti:

Rook A. "Textbook of Dermatology" - Fourth Edition Blackwell Scientific Publ. 1986
Caputo R., Monti M. "Manuale di Dermocosmetologia Medica" - Raffaello Cortina Editore 1995
A. Haynal, W.Pasini "Medicina Psicosomatica" - Ed. Masson, 1999
Crepaldi C., Baritussio A. "Trattato di Medicina Interna" - Ed. Piccin Nuova Libraria S.P.A., 2002
Beers M.H. "Il Manuale Merck per la Salute" - Raffaello Cortina Editore 2003
Kidd E.A.M., Smith B.G.N., Watson T.F.  "Pickerd's Manual of Operative Dentistry" - Eighth Ed. Oxford Univ. Press 2003
Janis J. E. "Essentials of Plastic Surgery" - QMP, Inc. 2006
Jackson T.L. "Moorfields Manual of Ophthalmology" - Mosby Elsevier Ed. 2007
Caruso A. "Manuale di ginecologia ed ostetricia" - CIC Ed. Intern. 2008
Harrison's "Principles of Internal Medicine" - Mc Graw-Hill Ed. 2008
AA.VV. "Enciclopedia della medicina" - De Agostini 1990
Rothenberg Robert E. "Enciclopedia della medicina" - Garzanti 1998
Galimberti U. "Enciclopedia di psicologia" - Garzanti 1999





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 09/12/2016