Indietro

Protesi dentarie: sostituzione di uno o più denti con denti artificiali

clicca per votare





Dentiera Dentiera Protesi dentali Protesi dentali Protesi a ponte Protesi a ponte


Scritto da

Daniela Gallotti, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)


Pubblicato il 08/06/2010

Modificato il 08/06/2010

Le protesi dentarie permettono di sostituire uno o più denti, o anche l’intera dentatura, con denti artificiali. In odontoiatria le protesi dentali hanno un triplice significato: funzionale, perché ripristinano la funzione masticatoria; estetico, in quanto ricostruiscono i normali contorni della bocca; fonetico, perché permettono la corretta formazione dei suoni dentali. In tempi più moderni si ricorre sempre meno alle protesi dentarie preferendo l’implantologia, nonostante i costi ben più elevati di questo intervento.L

 

La protesi: parziale, totale, fissa o mobile
La protesi dentaria è sostitutiva o riparatrice se provvede alla sostituzione di denti mancanti; si dice di fissazione se, con fili o cementi, fissa denti mobili per processi patologici (piorrea, traumatismi) a denti vicini solidi. Quando tutti i denti sono sostituiti da una protesi questa è detta protesi totale (dentiera). La protesi dentaria parziale, invece, si ha per sostituzione di alcuni denti, residuando in parte la dentatura naturale. Le protesi si distinguono in fisse o mobili, dove le totali sono sempre protesi mobili.

 

Diversi tipi di protesi fisse
La protesi dentaria fissa è quella che non può essere rimossa senza intervento chirurgico, e tra le più comuni ci sono la corona artificiale, il dente a perno o la protesi a ponte. La corona artificiale è costituita da un rivestimento metallico o di resina o di porcellana ad altissimo punto di fusione da applicarsi sulla corona parzialmente distrutta di un dente; il dente a perno è una corona artificiale fissata con un perno nel canale pulpare della radice dentaria e la sua applicazione è adatta soprattutto nei casi di frattura dei denti o di carie destruente.
La protesi dentale a ponte è un apparecchio costituito da denti artificiali supportati a denti naturali o a radici. Nella protesi dentaria a ponte ci sono gli ancoraggi e la travata: in si chiamano ancoraggi le parti laterali da fissare con cemento ossifosfatato ai denti o alle radici di appoggio; la travata è invece unita in maniera rigida agli ancoraggi e ripete la forma e la solidità dei denti mancanti in modo da sostituirne alla perfezione la funzione.



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

  • il 04/07/2014

    francescomar ha commentato:


    Questo tipo di protesi dentarie mobili possono sembrare una soluzione per chi ha paura del dolore rispetto all'impianto dentale, ma mi domando se non sia meglio agire in modo definitivo con l'implantologia, magari a carico immediato.

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 04/12/2016