Indietro

Ortodonzia: ramo dell’odontoiatria che corregge eventuali anomalie nello sviluppo dei denti

clicca per votare





Malocclusione Malocclusione Apparecchio Apparecchio Ortodonzia invisibile Ortodonzia invisibile


Scritto da

Gaia Cortese, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)


Pubblicato il 08/06/2010

Modificato il 08/06/2010

L’ortodonzia è un ramo di specializzazione dell’odontoiatria che si occupa della formazione e dello sviluppo dei denti e della correzione di eventuali anomalie. L’ortodonzia tratta e cura le cosiddette malocclusioni, ossia quei casi di alterato combaciamento delle due arcate dentarie a bocca chiusa. È poi la gnatologia il ramo dell'odontoiatria che studia tutti gli organi o apparati, fisiologicamente o patologicamente,collegati all’occlusione dentaria, come la mandibola, la mascella, i denti, le articolazioni, i muscoli e il sistema nervoso collegato, lingua compresa.
Se le malocclusioni sono congenite, sono legate a malformazioni dello scheletro facciale e possono essere ricondotte a quattro anormali condizioni: palato ogivale, palato articolato aperto, prognatismo e progenismo. Le malocclusioni acquisite invece, sono dovute a gravi traumatismi maxillo facciali.

 

Ortodonzia fissa, mobile o invisibile?
Per la pratica ortodontica si possono seguire due tipi di terapie: chirurgica e meccanica. La terapia chirurgica prevede l’estrazione dei denti che ostacolano l’allineamento e l’articolazione dentale; la terapia meccanica, invece, prevede l’impiego di diversi tipi di apparecchi.
L’apparecchio è usato per ottenere lo spostamento dei denti nel corso di un trattamento. L'ortodonzia fissa viene applicata ai denti con delle fasce o delle graffe di acciaio inossidabile e consente ai denti di compiere movimenti complessi; viene utilizzato solo da dentisti esperti nel settore. L’apparecchio mobile, invece, consiste, in una placca munita di apposite molle e ancoraggi che forzano i denti a compiere spostamenti semplici. Quando è richiesta una particolare attenzione all’estetica si ricorre all’ortodonzia invisibile, ossia all’impiego di particolari apparecchi che non si vedono perché posizionati dietro l’arcata dentale (Invisalign).

 

Ortodonzia oggi per evitare problemi in futuro
L’ortodonzia che permette di curare le malocclusioni e di ottenere una masticazione corretta può evitare in futuro di ricorrere all’implantologia o all’applicazione di protesi. La scelta di trattare il paziente con un tipo di ortodonzia fissa o mobile è strettamente soggettiva perché dipende da ogni singolo caso clinico, e spesso in uno stesso trattamento al paziente vengono proposte entrambe.



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 06/12/2016