Indietro

Eroina, la sostanza stupefacente più letale

clicca per votare





Polvere granulosa L'eroina Contagio HIV Diffusione virus HIV Sintomi astinenza Crisi d'astinenza


Scritto da

Daniela Gallotti, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 01/09/2010

L'eroina è un derivato della morfina, si presenta come una polvere granulosa di colore marrone e viene assunta prevalentemente per via endovenosa o inalazione. Il suo funzionamento è in tutto e per tutto simile a quello della morfina, ossia è in grado di provocare la rapida saturazione dei recettori oppioidi, mimando l'azione delle endorfine (sostanze prodotte dal cervello dotate di proprietà analgesiche). La differenza principale tra morfina ed eroina è che quest'ultima scatena uno stato di euforia (il cosiddetto "flash") molto intenso, seguito da una sensazione di benessere diffuso. Tra gli effetti collateriali causati dall'utilizzo di eroina troviamo un abbassamento generale delle difese immunitarie, carie, perdita dei denti, apatia e drastico calo della libido. L'utilizzo promiscuo di siringhe, inoltre, è una delle cause maggiori della diffusione del virus HIV.

 

In breve tempo, la necessità sostituisce il piacere
Bastano poche dosi di eroina per portare a un forte stato di dipendenza fisica e psicologica. Il craving provocato dalla dipendenza di eroina è forte e difficilmente arginabile. Il bisogno psicologico di provare piacere viene sostituito dalla necessità fisica - ancora più forte - di sedare il dolore causato dall'astinenza. Le crisi d'astinenza da eroina sono, infatti, tra le più difficili da affrontare. La fase acuta della crisi dura circa una settimana ed è caratterizzata da brividi di freddo, calore improvviso, dolori addominali, aumento della pressione cardiaca, tachicardia, febbre. Nei sei mesi successivi l'ultima dose, sono frequenti stati depressivi, spossatezza e malessere che rendono altamente probabili le ricadute.

 

Tolleranza e overdose
L'eroina fin dalle prime dosi provoca tolleranza. È necessario dunque aumentare drasticamente la quantità di principio attivo per ottenere gli stessi effetti. Questa caratteristica, unita alle frequenti crisi di astinenza (ogni otto ore è necessaria una dose) comportano una pressoché totale perdita di controllo della propria vita privata, sacrificata in funzione della ricerca ossessiva di una dose. L'aumento della quantità di eroina (necessario per contrastare gli effetti della tolleranza), porta inevitabilmente al rischio di overdose, ossia all'arresto delle funzioni respiratorie. In questo caso, l'unica possibilità di salvezza è costituito dall'utlizzo di Naloxone, un farmaco antagonista in grado di annullare istantaneamente gli effetti di una dose di eroina e, di conseguenza, di ripristinare le funzioni respiratorie.



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 03/12/2016