Indietro

Overdose: assunzione di dosi eccessive di droghe o farmaci che può portare alla morte

clicca per votare





Rischio decesso Overdose Eroina tagliata Eroina Soccorso immediato Intervento tempestivo


Scritto da

Daniela Gallotti, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 31/08/2010

La parola overdose indica l'assunzione in quantità eccessiva di sostanze tossiche, che possono essere droghe o farmaci: per la gravità del fenomeno l'overdose può portare anche alla morte. L'overdose più frequente è per eroina, ma può avvenire anche con altre droghe, come cocaina e stimolanti.

 

Quando si cade in overdose
L'overdose è una condizione a cui arrivano di norma soggetti in assuefazione all'assunzione di sostanze stupefacenti: la dipendenza, infatti, da droghe o farmaci, innesca un fenomeno di tolleranza tanto da spingere, col tempo e quasi fuori dal controllo della volontà, ad un aumento sempre più massiccio delle dosi. Quando l'assunzione di droghe, per iniezione, ingestione o inalazione, raggiunge quantitativi troppo elevati, l'organismo entra in uno stato di grave compromissione delle funzioni vitali, a rischio di decesso.
Spesso l'overdose si verifica anche dopo un periodo di disintossicazione: la ripresa nell'assunzione di droghe dopo un periodo di disassuefazione dell'organismo può far cadere in overdose, con dosi di sostanze stupefacenti precedentemente tollerate.

 

L'overdose da eroina
L'overdose più frequente è quella che si verifica quando la droga assunta in quantità eccessive è l'eroina. L'eroina, infatti, è un derivato di sintesi della morfina e quindi un sedativo del sistema nervoso centrale: gli effetti, in dosi che possiamo definire normali, sono appunto simili a quelli della morfina, anche se in forma più intensa con sensazione di benessere e, da un punto di vista strettamente fisico, ipotensione e depressione respiratoria. Sul mercato di strada l'eroina non è venduta pura, ma “tagliata”, ossia unita ad altre sostanze spesso molto pericolose, come la stricnina: in questo modo la quantità di principio attivo che si assume non è facilmente determinabile e questo aumenta il rischio di overdose. L'overdose da eroina si manifesta con respiro lento, superficiale, irregolare, fino alla vera a propria depressione respiratoria; calano anche la pressione e la frequenza cardiaca, fino alla tachicardia da choc e al coma. Solo un intervento tempestivo e la somministrazione di sostanze antagoniste può evitare la morte.



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 04/12/2016