Indietro

È evidente la correlazione tra alcol e cancro

clicca per votare





Le dosi di alcol Un bicchiere di vino Bere alcolici La quantità giusta di alcol Cancro e alcol Alcol e cancro


Scritto da

Felicita Scardaccione giornalista pubblicista (Ordine regionale della Puglia)


Pubblicato il 12/10/2009

Modificato il 12/10/2009

Il legame alcol e cancro c’è, inutile negarlo, evidenziato da una serie di ultime relazioni presentate al Ministero della Salute. Una ricerca dell’Institut National du Cancer francese (anno 2007) dimostra che anche un consumo moderato di bevande alcoliche aumenta il rischio di sviluppare il cancro. E anche il più banale unico bicchiere al giorno può far lievitare il pericolo. Non si tratta di allarmismo: dati alla mano si è visto come un tempo bevande quali il vino, che comunque facevano parte della nostra cultura a tavola, con il mutare dei tempi e degli usi, insieme al proliferare di super alcolici e aperitivi consumati spesso e volentieri fuori pasto, si sono rivelati dopo numerose ricerche, cause scatenanti di diverse tipologie di cancro. Le bevande alcoliche, ormai è un dato assodato e universalmente riconosciuto, rappresentano un fattore di rischio per il cancro alla bocca, alla faringe, alla laringe, all’esofago, al colon-retto, alla mammella e al pancreas. Oltre che essere causa della cirrosi epatica, possibile anticamera del cancro al fegato. Morti evitabili, se le persone fossero più informate dei danni correlati agli alcolici. Da sfatare anche la concezione, secondo quanto affermano gli esperti, dei presunti effetti benefici del vino sul cuore, un tempo definito un “toccasana”.

 

A conferma sono stati , registrati nuovi casi di patologie cardiovascolari associate al consumo di alcol. In particolare, gli esperti francesi sono convinti che un bicchiere di alcol al giorno aumenterebbe del 168 per cento il rischio di sviluppare un cancro alla bocca, alla faringe e alla laringe; del 28 quello di un cancro all’esofago; del 10 per cento del cancro alla mammella e del 9 per cento quello al colon. Il pericolo, poi, cresce in maniera direttamente proporzionale alla dose, parere condiviso da più fronti. Inoltre nel secondo rapporto su cibo, alimentazione, attività fisica e prevenzione del cancro pubblicato dal World Cancer Research Fund (Wcrf), si sostiene che il limite per evitare danni è un consumo medio di due bicchieri al giorno per gli uomini e di uno per le donne. Dello stesso avviso le principali istituzioni internazionali, l’Organizzazione mondiale della Sanità e le ultime direttive espresse dalla Comunità Europea.

 

Ora è bene che anche in Italia si inizi a dare una giusta informazione. Ciò non significa che di colpo bisogna bandire vino, birra, grappa dalla tavola, ma entrare nell’ottica che bisogna rispettare delle regole alimentari, e soprattutto considerare l’età, il sesso per il differente metabolismo dei soggetti.



Fonti:

Hanno collaborato:
- Emanuele Scafato
  (Presidente della SIA - Società Italiana Alcologica)
- Gaetano Deruvo
  (Presidente della SITD Puglia - Sezione Regionale Pugliese della Società Italiana Tossico Dipendenze)





Commenti

  • Avatar
    il 24/12/2013

    alessandro.sbarbada_FB ha commentato:


    Le contraddizioni emergono, anche in un articolo per i primi tre quarti eccellente, se si vuole difendere il bere a tutti i costi. Come si fa a dire che un bicchiere al giorno aumenta del 168% il rischio di sviluppare cancro alla bocca, alla faringe e alla laringe, e dopo poche righe scrivere “il limite per evitare danni è un consumo medio di due bicchieri al giorno per gli uomini e di uno per le donne”? Il limite per evitare danni è non consumare affatto vino, birr

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 09/12/2016