Indietro

L'alcol va abolito in gravidanza

clicca per votare





Gravidanza e alcol Bere in gravidanza è vietato Ecografia feto L'alcol è dannoso per il feto Rischi sviluppo feto L'alcol compromette lo sviluppo del bambino


Scritto da

Felicita Scardaccione Giornalista pubblicista (Ordine regionale della Puglia)


Pubblicato il 12/10/2009

Modificato il 12/10/2009

In gravidanza l’alcol va abolito. Infatti gli organi vitali, quali cuore, cervello, scheletro si formano durante i primi 10-15 giorni dopo il concepimento. E spesso avviene prima ancora di scoprire di essere in gravidanza. Per proteggere il bambino dunque è d’obbligo smettere di assumere alcol durante il periodo in cui si programma la gravidanza.

 

Si è rilevato che le donne che abitualmente bevono una o più volte al giorno, siamo sulla media di tre bicchieri al giorno, presentano una maggiore frequenza di aborti soprattutto durante il secondo trimestre di gestazione. Ciò sarebbe imputabile ad un’azione tossica esercitata dall’alcol sul feto anche dopo l’assunzione di dosi modeste, ad esempio due bicchieri nella gravidanza avanzata, perché l’alcol attraversa la placenta e arriva direttamente al feto in una concentrazione praticamente equivalente a quella della madre che ha assunto la bevanda alcolica.

 

Il feto inoltre non è dotato di enzimi capaci di metabolizzare l’alcol e ne subisce gli effetti dannosi sia a livello cerebrale sia sui tessuti in via di formazione durante la gravidanza. Tale azione negativa interferisce sui normali processi di sviluppo fisico, provocando malformazioni, ed intellettivo, generando ritardo mentale, in maniera più o meno grave, sempre in funzione dei livelli di consumo.
I rischi legati all’alcol in gravidanza sono quindi particolarmente gravi poiché sono causa di carenze vitaminiche che hanno poi ripercussioni sullo sviluppo del nascituro. Inoltre va ricordato che in gravidanza i primi tre mesi e l’ultimo trimestre sono i periodi più delicati e quelli in cui l’alcol determina i danni maggiori per il feto.

 

Il nascituro, spesso prematuro, può infatti presentare condizioni di sintomi e disturbi definiti alcolici sino alla sindrome conclamata feto-alcolica, irreversibile e spesso progressiva. Tutti fenomeni che si verificano sia in donne che bevono durante la gravidanza, sia in quelle che magari si sono astenute durante la gestazione, ma che avevano abusato pesantemente di alcol in precedenza, durante il periodo del concepimento.



Fonti:

Relazioni di Emanuele Scafato
(Presidente della Sia - Società Italiana Alcologica)

Ha collaborato:
Gaetano Deruvo
(Presidente della SITD Puglia - Sezione Regionale Pugliese della Società Italiana Tossico Dipendenze)





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 07/12/2016