Indietro

Quale farmaco utilizzare per la cura nella dipendenza dall'alcol?

clicca per votare





Supporto temporaneo Farmaci per la dipendenza da alcol Farmaci cura alcol Liberarsi dalla dipendenza Liberarsi dalla schiavitù Supporto farmacologico per liberarsi dalla dipendenza


Scritto da

Felicita Scardaccione giornalista pubblicista (Ordine regionale della Puglia)


Pubblicato il 12/10/2009

Modificato il 12/10/2009

Per quanto riguarda la domanda su quale farmaco puntare per la cura alla dipendenza dall’alcol, in linea generale ci sono due approcci a cui i medici ricorrono: somministrare un farmaco che per un meccanismo di tolleranza crociata elimina la sindrome, o in alternativa prescrivere un farmaco che riduca il processo neurofisiologico all’origine della sintomatologia astinenziale.

 

Nella pratica clinica, il primo farmaco è quello utilizzato comunemente, man mano ridotto come dosaggi in terapia, il secondo, invece, consente di utilizzare, grazie anche alle conoscenze neurofisiologiche e neuro farmacologiche, di agire sul target del processo di sviluppo dell’astinenza. E i farmaci di comune impiego sono le benzodiazepine considerate efficaci e sicure, quest’ultime in particolare in grado - ad un dosaggio adeguato- di prevenire o ridurre il desiderio del bere. Di preferenza sono il diazepam, la cui graduale riduzione avviene nel tempo, il desmetildiazepam, che invece dura diversi giorni; mentre per quanto riguarda gli altri farmaci frequentemente utilizzati citiamo il valproato di sodio, il gamma- idrossibutirrato di sodio, la tiapride e la carbamazepina.
Se poi si ipotizza che il paziente presenti problemi al fegato, un’epatopatia per intenderci, la scelta del farmaco allora viene fatta verso la già citata benzodiazepina priva però di metabolismo epatico, insomma facilmente eliminabile. Ed è di comune utilizzo in questo caso il farmaco oxazepam che esclude la possibilità di accumulo a carico del fegato.

 

In seguito, ossia una volta che il paziente ha sospeso o almeno si spera di essere riusciti a motivarlo nella consapevolezza dello stato della malattia, si può allora intraprendere , se non proprio un trattamento riabilitativo a medio e lungo termine, almeno un monitoraggio clinico e medio termine. Tenendo sempre sotto controllo l’alta tendenza alla recidiva del disturbo di dipendenza dall’alcol e utilizzando il farmaco non come strumento per il controllo del paziente, ma come supporto temporaneo. Finchè non riuscirà a gestire autonomamente le situazioni di pericolo.

 

Farmaco prescritto quando sono evidenti le condizioni di ripetuti fallimenti nel controllo dell’astinenza o su richiesta dello stesso paziente. Allo stato attuale sono tre i farmaci dimostrati efficaci: il naltrexone, l’acamprosato (non in commercio in Italia) e il GHB, unico di questi farmaci tra l’altro che non richiede una disintossicazione preliminare prima di iniziare il mantenimento.



Fonti:

Alcol e medico di famiglia
(a cura di Brignoli, Cibin, Gentile, vantini; Centro scientifico Editore)

Hanno collaborato:
- Gaetano Deruvo
  (Presidente della SITD Puglia - Sezione Regionale Pugliese della Società Italiana Tossico Dipendenze)
- Eugenia Vernole
  (Membro della SITD Puglia - Sezione Regionale Pugliese della Società Italiana Tossico Dipendenze)





Commenti

  • il 22/11/2013

    Marco Rossi ha commentato:


    Esiste un farmaco chiamato BACLOFEN che sopprime il craving, alla base della dipendenza alcolica. E' un rilassante muscolare (non una benzodiazepina!) ed e' utilizzato da 30-40 per gli spasmi muscolari. Il Baclofen semplicemente funziona e dopo un certo periodo si ri-diventa bevitori normali. Scoperto dal Dott. Olivier Ameisen e' gia' stato autorizzato in Francia e spero presto anche in Italia. E' contrastato dalle case farmaceutiche in quanto il brevetto e' scaduto... Il Baclofen fun

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2012 - 2013
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Aggiornato al 25/10/2014