Indietro

L'attività della farmacologia nella cura dell'alcolismo

clicca per votare





Trattamento alcol Il trattamento dell'alcol Farmacologia alcol La farmacologia Cura dell'alcolismo Curare l'alcolismo


Scritto da

Felicità Scardaccione giornalista pubblicista (Ordine regionale della Puglia)


Pubblicato il 12/10/2009

Modificato il 12/10/2009

Nella la cura dell’alcolismo, per trattare un soggetto con una Sindrome di Dipendenza da Alcol (SDA), l’applicazione della farmacologia deve sempre rientrare entro una strategia complessiva di trattamento e derivare da una valutazione che verte su più punti emersi dall’analisi della singola condizione clinica durante la cura.

 

La stessa farmacologia applicata per l’intossicazione acuta o per l’astinenza da alcol, ad esempio, per quanto possa apparire finalizzata ad una condizione clinica momentanea, assume invece un’importanza diversa se considerata come il primo passo in una prospettiva di continuità di recupero del paziente nella cura dell’alcolismo e soprattutto preventiva di ricaduta.

 

Dunque la terapia farmacologica gioca un ruolo importante perché i diversi soggetti non debbano solo rispondere nella cura all’alcolismo al trattamento psicosociale, ma anche ad una correlata terapia farmacologica. Perché va precisato ancora una volta, l’alcol - dipendenza è una malattia acquisita del cervello ad andamento cronico e recidivante, per cui la maggior parte dei programmi di trattamento per la cura dell’alcolismo, compresi appunto quelli farmacologici, sono orientati alla sospensione dell’assunzione della sostanza d’abuso e al mantenimento della condizione drug-free, mettendo successivamente in atto interventi orientati alla prevenzione e ricaduta. Questo per ricordare che fino a non molti anni fa, prima dell’introduzione degli interventi farmacologici efficaci, gli approcci medici alla cura per alcolismo erano focalizzati esclusivamente sulla disintossicazione mentre la riabilitazione a lungo termine era appannaggio esclusivo di programmi psicosociali, insomma non medici.

 

Alla luce di questa premessa, dunque gli obiettivi anche della farmacologia nella cura dell’alcolismo possono così essere sintetizzati: prima cosa si mira al raggiungimento dell’astinenza, il suo mantenimento (che oggi giorno può essere gestito con successo anche con la terapia farmacologica) e qualora non fosse possibile, si punta alla riduzione dei danni correlati alla dipendenza a cui segue inevitabilmente una riduzione dei disturbi psichici, fisici e comportamentali correlati.

 

Nella cura dell’alcolismo va precisato ulteriormente: per quanto concerne la farmacologia specifica dell’alcol a breve, medio e lungo termine, bisogna dire che in medicina generale non sono disponibili studi sull’efficacia di questo tipo di intervento. La gran parte degli studi riguardano infatti il settore specialistico.

 

Riassumendo: le situazioni prese in esame nella cura dell’alcolismo sono condivise e coincidono con le fasi del disturbo, quali l’aggancio a pazienti con scarsa disponibilità al cambiamento, la gestione vera e propria della disintossicazione, il mantenimento dell’astensione o la prevenzione della ricaduta, e infine c’è l’applicazione degli interventi farmacologici nel caso, molto frequente, di coesistenza di altri disturbi mentali.



Fonti:

- Alcol e medico di famiglia
  (a cura di Brignoli, Cibin, Gentile, Vantini; Centro Scientifico Editore)

Hanno collaborato:
- Gaetano Deruvo
  (Presidente della SITD Puglia - Sezione Regionale Pugliese della Società Italiana Tossico Dipendenze)
- Eugenia Vernole
  (Membro della SITD Puglia - Sezione Regionale Pugliese della Società Italiana Tossico Dipendenze)





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 04/12/2016