Indietro

AIDS, ora è possibile debellare la malattia

clicca per votare





AIDS, ora è possibile debellare la malattia AIDS, ora è possibile debellare la malattia


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 24/07/2012

Modificato il 24/07/2012

I virus e altri 'parassiti genetici', come quello dell'Aids, sono in grado di nascondersi nel nostro Dna. Quando le cellule infettate se ne accorgono si 'disattivano', ma continuano a covare dentro di loro la malattia (nascondendola ai farmaci), che può riemergere in qualsiasi momento. Il meccanismo per aggirare questo problema è appena stato scoperto dai ricercatori dell'Ospedale e dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, con uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Pnas.

Alcuni virus, come quello dell'Aids (ma anche quelli che vengono utilizzati in laboratorio per la terapia genica) riescono a riprodursi 'iniettando' il proprio Dna in quello della cellula che infettano; per difendersi, le cellule hanno un meccanismo di 'disattivazione' utile a contenere l'infezione: il problema però è che, 'spegnendosi', di fatto nascondono il virus alle cure, e la malattia rimane latente.

Lo studio del San Raffaele, spiegano gli autori della scoperta, ha permesso di ''disegnare una possibile strategia per affrontare questo grave problema'': i ricercatori hanno scoperto che disattivando un particolare enzima (Hdac4) si 'riaccendono' i virus che la cellula aveva bloccato. E dato che esistono già farmaci capaci di bloccare questo enzima, ''essi potrebbero essere ulteriormente sviluppati per protocolli sperimentali finalizzati alla cura, ovvero dell'eradicazione, dell'Hiv'', utilizzandoli in combinazione con le terapie antivirali.

''L'attuale terapia contro l'Hiv - ha spiegato Guido Poli, responsabile dell'Unità di Immunopatogenesi dell'Aids - è assai efficace nel controllare e bloccare la diffusione del virus attivato, ma non riesce a riconoscere ed eliminare le cellule infettate in cui il virus è temporaneamente spento. Quindi non è possibile arrivare a una vera guarigione, perchè il virus latente può sempre riattivarsi a seguito della sospensione della terapia, come in effetti avviene nella maggioranza dei pazienti''.

Questa scoperta, conclude Maria Vittoria Schiaffino, genetista e biologa cellulare, ''ha una potenziale ricaduta importante anche per la terapia genica, perchè l'utilizzo di farmaci che inibiscono l'enzima potrebbe evitare che le cellule spengano i vettori virali utilizzati a scopo curativo, aumentandone così l'efficacia a lungo termine''.



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link oppure Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 04/12/2016