Indietro

Alzheimer, il sonno aiuta a ridurne il rischio

clicca per votare





Alzheimer, il sonno aiuta a ridurne il rischio Alzheimer, il sonno aiuta a ridurne il rischio


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 17/02/2012

Modificato il 17/02/2012

Dormire di più riduce le possibilità di ammalarsi di Alzheimer secondo un nuovo studio della University School of Medicine di Saint Louis che sarà presentato al meeting dell'American Academy of Neurology a New Orleans.

"Dalle nostre indagini è emerso che un sonno turbato e ridotto è associato all'accumulo di placche amiloidi, un segno distintivo del morbo di Alzheimer nel cervello delle persone senza problemi di memoria. Sarà necessario ora comprendere se le modifiche del sonno possano aiutarci a riconoscere l'inizio del declino cognitivo", ha spiegato Yo-El Ju, docente a Saint Louis e autore della ricerca.

 

Il team ha analizzato i modelli di sonno di 100 pazienti che non avevano mostrato alcun segnale di demenza di età compresa tra i 45 e gli 80 anni: il 50% dei partecipanti allo studio aveva una storia di malattia di Alzheimer in famiglia.

I ricercatori hanno dotato i pazienti di un monitor capace di registrare il sonno per due settimane. Lo studio ha determinato che il 25% ha mostrato tracce di placche amiloidi, segni di Alzheimer futuro.

La quantità media di sonno rilevata è stata di 8 ore ridotta a 6,5 ore a causa di varie interruzioni durante la notte. In definitiva, coloro che hanno speso l'85% del tempo trascorso a letto dormendo profondamente hanno minori possibilità di ammalarsi di Alzheimer (fino a cinque volte in meno) rispetto a coloro che hanno trascorso l'85% del tempo a rigirarsi tra le lenzuola.

 

Ju conclude: "L'associazione tra il sonno interrotto e le placche amiloidi è intrigante, ma è bene precisare che le informazioni offerte da questo studio non possono ancora determinare un chiaro rapporto causa-effetto.

Dovremo monitorare il sonno delle persone nel corso degli anni per determinare se il sonno interrotto porti effettivamente alla produzione di placche amiloidi. Il nostro studio, quindi, pone le basi per capire se la manipolazione del sonno sia una possibile strategia per la prevenzione o il rallentamento della malattia".



Fonti:

Yo-El Ju, MD, assistant professor of neurology, Washington University School of Medicine, St. Louis, Mo.Upcoming presentation, American Academy of Neurology, New Orleans, April 21-28, 2012. Gary Small, MD, Parlow-Solomon professor on aging; director, University of California Los Angeles Longevity Center, and co-author, The Alzheimer's Prevention Program.Maria Carrillo, PhD, senior director of medical and scientific relations, Alzheimer's Association.





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 11/12/2016