Indietro

Alzheimer: un sonno regolare ne riduce il rischio

clicca per votare





Alzheimer: un sonno regolare ne riduce il rischio Alzheimer: un sonno regolare ne riduce il rischio


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 29/09/2011

Modificato il 29/09/2011

Il legame tra la malattia di Alzheimer e i disturbi del sonno sono sempre più evidenti.

Alcuni ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno rilevato che un marker della patologia neurologica sale e scende nel fluido spinale secondo un modello quotidiano che riprende il ciclo del sonno.

Secondo lo studio, la relativa inattività del cervello durante il sonno può offrire l'opportunità di eliminare uno dei principali marcatori della malattia, un sottoprodotto dell'attività cerebrale chiamato beta amiloide. Lo studio è stato condotto in collaborazione con il Centro del sonno dell'Università di Medicina di Washington.

 

Nello studio, pubblicato su Archives of Neurology, gli scienziati riferiscono che i tassi normali dei livelli di beta amiloide nel liquido che circonda il cervello e nel midollo spinale cominciano ad appiattirsi nei più anziani i cui periodi di sonno sono spesso più brevi e più soggetti a interruzioni.

Negli anziani con placche cerebrali legate al morbo di Alzheimer, il flusso e riflusso è quasi soppresso e i livelli di beta amiloide sono vicini a una costante. "Nelle persone sane - dice Randall Bateman, Professore di Neurologia presso l'Università americana - i livelli di beta amiloide toccano il loro punto più basso circa sei ore dopo il sonno, e ritornano al loro punto più alto sei ore dopo la veglia al massimo. Abbiamo esaminato molti differenti comportamenti, e le transizioni tra il sonno e la veglia sono stati fenomeni fortemente correlati con l'ascesa e la caduta di beta amiloide nel fluido spinale".

 

"Sappiamo da tempo che la privazione del sonno ha significativi effetti negativi sulle funzioni cognitive, paragonabili a quelle da intossicazione da alcol", aggiunge Stephen Duntley, Direttore del Centro del Sonno dell'Università di Medicina di Washington.

"Ma è da poco diventato evidente che una prolungata alterazione del sonno possa effettivamente svolgere un ruolo importante nei processi patologici che sono alla base delle malattie. Questa connessione al morbo di Alzheimer non è confermata ancora negli esseri umani, ma potrebbe essere molto importante". Gli scienziati hanno studiato tre gruppi di soggetti: un gruppo di età media di 60 anni, i cui membri sono risultati positivi alla presenza di placche di beta amiloide nel cervello; un gruppo nella stessa fascia di età che non hanno avuto placche; un ultimo di persone sane di età compresa tra 18-60 anni.

 

I ricercatori hanno monitorato il beta amiloide nel liquido spinale per un periodo di 24-36 ore, e hanno videoregistrato l'attività neuronale dell'attività cerebrale durante questo periodo. Nel gruppo con placche cerebrali, i livelli di beta amiloide sono stati pressochè costanti, mentre negli altri due si alzavano e abbassavano secondo un andamento sinusoidale. Gli alti e bassi di questo modello erano molto più pronunciati nei giovani.

"È ancora presto per dirlo, ma ci sono spunti interessanti per affermare che avere un sonno regolare può essere utile nel ridurre il rischio di malattia di Alzheimer", osserva Duntley. "Sappiamo da una serie di studi che l'esercizio fisico migliora il sonno, e la ricerca ha anche dimostrato che l'esercizio fisico è associato a un ridotto rischio di Alzheimer".



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 06/12/2016