Indietro

Analogo dell’LSD come terapia contro cefalea a grappolo

clicca per votare





Analogo dell'LSD come terapia contro cefalea a grappolo Analogo dell’LSD come terapia contro cefalea a grappolo


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 29/06/2011

Modificato il 29/06/2011

Una sostanza analoga all'LSD ha mostrato di ridurre significativamente la cefalea a grappolo. I risultati dello studio pilota presentato durante il Congresso Internazionale Cefalea che si è tenuto a Berlino sono stati veramente incoraggianti.

 

 

Gli episodi di cefalea a grappolo dei sei pazienti trattati con il 2-bromo-LSD, una sostanza non allucinogena, sono diminuiti sensibilmente nell'arco di una giornata e addirittura qualcuno di essi è stato liberato dal problema per settimane o perfino mesi.

''Ci sono stati dei pazienti che hanno riportato un alleviamento della condizione anche un anno dopo il trattamento - ha spiegato 2-bromo-LSD, dell'Harvard Medical School di Boston - si tratta di risultati che non erano mai stati ottenuti in precedenza''.

 

 

La cefalea a grappolo è spesso definita 'suicida' perché causa un dolore insopportabile e chi ne soffre può essere disposto a tutto pur di superare la sofferenza che può durare ore, con più attacchi al giorno e anche per molte settimane di seguito. I medici non sono ancora riusciti a capire quali siano le reali radici del problema, anche se la sua periodicità - spesso si tratta di episodi che si verificano intorno ai solstizi - farebbe pensare a una qualche alterazione nella struttura dell'ipotalamo, la regione del cervello che è legata ai ritmi circadiani. Per ora, la malattia non ha cura, sebbene ai pazienti qualche volta sia consigliata l'inalazione di ossigeno puro ai primi sintomi di un attacco.

 

 

Durante lo studio pilota, è stato somministrato il 2-bromo-LSD (BOL) una volta ogni 5 giorni per un totale di 3 dosi. Tutti i pazienti hanno riportato una riduzione nella frequenza degli attacchi, e ben cinque non hanno avuto attacchi per mesi, dopo il trattamento.

''È un effetto profilattico a lungo termine che non sappiamo spiegare” ha aggiunto Halpern. Il team ha poi curato allo stesso modo un settimo paziente che ha riportato gli stessi effetti benefici. La speranza del gruppo, dati questi risultati incoraggianti, è di cominciare ben presto la seconda fase della sperimentazione: un trial clinico con 50 pazienti entro quest'anno.



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 05/12/2016