Indietro

Assistenza terapeutica ai malati diabetici: il modello salvavita italiano

clicca per votare





Assistenza terapeutica ai malati diabetici: il modello salvavita italiano Assistenza terapeutica ai malati diabetici: il modello salvavita italiano


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 10/04/2012

Modificato il 10/04/2012

Il modello italiano di cura e assistenza delle persone con diabete si dimostra un vero e proprio 'salvavita': la collaborazione tra centri di diabetologia e medici di famiglia, secondo le modalità raccomandate dalle linee guida, allunga infatti la vita dei pazienti.

Lo dimostra uno studio pubblicato sulla rivista PLoS One, condotto da un team di ricercatori composto da diabetologi, epidemiologi della regione Piemonte e del Dipartimento di salute pubblica dell'Università di Torino, guidato dal presidente dell'Associazione Medici Diabetologi (Amd) Carlo Giorda.

La ricerca è durata quattro anni ed ha riguardato le persone con diabete: 31.104 persone maggiori di 20 anni (pari al 3,5% della popolazione del capoluogo piemontese) sono state valutate per tutto il periodo dell'indagine.

Lo studio ha quindi dimostrato che i pazienti con diabete che, oltre che in carico al proprio medico di famiglia, erano seguiti anche dal centro diabetologico, secondo i più corretti principi, mostravano un rischio relativo di mortalità ridotti di oltre il 40% rispetto a chi veniva seguito solo dal medico di famiglia, e un rischio di mortalità da tumore ridotto di circa il 26%.

Lo stesso fenomeno si riscontrava con il rischio di infarto del miocardio e di ictus, maggiore del 30% nel gruppo seguito dal solo medico di famiglia, sino al rischio di amputazione degli arti inferiori che raddoppiava in questi ultimi.

''La persona con diabete, seguita, oltre che dal proprio medico di famiglia, dal Centro diabetologico, e quindi visitata periodicamente - afferma Giorda - vive più a lungo'', anche perchè''un controllo così stretto sicuramente incide sullo stile di vita e probabilmente, grazie alla stretta sorveglianza, permette di rilevare con anticipo altre malattie, come ad esempio i tumori''.



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 07/12/2016