Indietro

Aumenta in Italia il numero di bambini obesi

clicca per votare





Aumenta in Italia il numero di bambini obesi Aumenta in Italia il numero di bambini obesi


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 11/10/2011

Modificato il 11/10/2011

L'obesità rappresenta un problema di crescente rilevanza. Basti pensare che, secondo gli ultimi dati, il 36% dei bambini italiani è obeso (12%) o in sovrappeso (24%).

Questi alcuni dei dati forniti dal ministro della Salute, Ferruccio Fazio, al convengo 'Nuove linee di indirizzo in tema di riabilitazione: l'obeso grave come paziente ad alta complessità'', organizzato presso l'ospedale Auxologico San Luca di Milano.

 

"L'obesità - ha detto Fazio - è un problema di sanità pubblica ed è un problema particolarmente grave nel nostro Paese", dove registra livelli di crescita preoccupanti. Molto spesso, ha spiegato Antonio Liuzzi, coordinatore del Rapporto sull'Obesità in Italia dell'Auxologico, "vediamo pazienti rifiutati dai reparti di riabilitazione specialistica perché gravemente obesi e non accettati dai reparti di riabilitazione per l'obeso, perché complicati da patologie specialistiche soprattutto respiratorie".

 

Insomma ci sono tante persone che sono troppo obese, e per questo inadatte anche ad essere ricoverate in un reparto di riabilitazione. Da parte sua Regione Lombardia sta lavorando da tempo per realizzare una rete territoriale in grado di garantire continuità assistenziale ai pazienti cronici, attraverso diversi interventi: riconoscimento della funzione territoriale per gli ospedali; introduzione dei letti per le cure sub acute; sperimentazione in 5 Asl del Cronic Related Gruop (CReG), una innovativa modalità di presa in carico, che coinvolge i diversi soggetti coinvolti nelle attività di cura.

Lo ha ribadito oggi l'assessore Bresciani: "È proprio in questo sistema che trova spazio la cura dell'obesità grave, che rappresenta una grande sfida nell'ambito della cronicità. Una sfida che noi vogliamo vincere attraverso la prevenzione, la presa in carico e l'approccio multi disciplinare". Oggi, ha detto ancora Bresciani, il 37% dei cronici risiedono nelle aree ci cura per acuti. Questo è inappropriato. La sfida è portare questo 37% verso le cure domiciliari potenziando il ruolo dei medici di medicina generale e delle cure territoriali".



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 08/12/2016