Indietro

Demenza aumenta disturbi del sonno e depressione

clicca per votare





Demenza aumenta disturbi del sonno e depressione Demenza aumenta disturbi del sonno e depressione


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 20/02/2012

Modificato il 20/02/2012

Le persone affette da demenza soffrono maggiormente di disturbi del sonno e depressione.

L'incidenza più elevata si trova tra i pazienti affetti dalla demenza a corpi di Lewy (LBD). È il risultato di un ampio studio effettuato dallo Stavanger University Hospital che indica che sette pazienti affetti da demenza su dieci soffrono di una qualche forma di disturbo del sonno. Tra i pazienti con LBD, il rapporto è di nove su dieci.

La ricerca ha, inoltre, mostrato che i pazienti affetti da demenza sono anche più inclini alla depressione e ai disturbi d'ansia.

 

"L'analisi dei dati dello studio può aiutarci a migliorare la comprensione della progressione di LBD, Alzheimer e demenza provocata da altre malattie e dei sintomi e dello sviluppo dei cambiamenti neurologici per sviluppare nuove terapie di trattamento", ha sottolineato Dag Aarsland, responsabile della ricerca al Centre for Age-Related Medicine di Stavanger.

Il disturbo del sonno più comune tra i pazienti affetti da demenza in generale è risultato essere l'insonnia (difficoltà ad addormentarsi). Un tasso molto alto è stato registrato in merito ai disturbi del comportamento durante il sonno, spesso il primo sintomo a comparire nei pazienti LBD.

"Questo è un disturbo drammatico del sonno in cui il paziente può agitarsi, urlare e gridare mentre dorme", ha spiegato Aarsland.

 

Dalla ricerca emerge che circa quattro su dieci pazienti affetti da LBD hanno avuto questo tipo di esperienza notturna. La sua incidenza tra i pazienti di Alzheimer, al contrario, non arriva al 10%.

"I disturbi del sonno influiscono sul sano funzionamento mentale dei pazienti, minando la loro capacità di affrontare la malattia e aumentando l'emergere di depressione e ansia rispetto ai pazienti senza problemi di sonno. Con l'aumento della percentuale di persone anziane nel mondo - ha continuato Aarsland - il numero di diagnosi di demenza e di Alzheimer è in rapido aumento. A livello mondiale, circa 36 milioni di persone soffrono di Alzheimer, cifra che dovrebbe salire a 66 milioni entro il 2030 e a 115 milioni entro il 2050. È necessario dunque comprendere al meglio come combattere queste malattie, aumentando i finanziamenti per la ricerca e le conoscenze sui trattamenti più efficaci".



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 17/10/2017