Indietro

Dissociazione da realtà e problemi di memoria a causa di forte stress

clicca per votare





Dissociazione da realtà e problemi di memoria a causa di forte stress Dissociazione da realtà e problemi di memoria a causa di forte stress


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 06/06/2011

Modificato il 06/06/2011

"Forti preoccupazioni legate alla salute, alla carriera, a problemi economici, rappresentano alcuni aspetti che generano delle dissociazioni dalla realtà. Sottraendo la memoria all'esercizio della normalità quotidiana, anche nei gesti più semplici e noti", come chiudere l'acqua o spegnere il gas. Ad affermarlo è Massimo Di Giannantonio, psichiatra dell'Università G. D'Annunzio di Chieti.

"Se mi dimentico le chiavi di casa o il cellulare - spiega l'esperto - non è importante. Ma se questo 'blackout' avviene in momenti delicati possono accadere anche tragedie. Ad esempio, se colpisce chi ha responsabilità verso terzi: i piloti d'aereo, i macchinisti dei treni, gli autisti di pullman. Per loro una distrazione banale o una dimenticanza possono trasformarsi in tragedia".

 

Per lo psichiatra dunque, questo può aiutare a spiegare quello che è accaduto a Lucio Petrizzi, padre della piccola Elena, la bambina di Teramo morta nell'Ospedale di Ancona dopo essere stata dimenticata per ore in auto. Il caso è "la declinazione tragica" di questa tipologia di 'black out' mentali.

"In questo caso particolare, il meccanismo psichico - spiega Di Giannantonio - diventa psicopatologico, ovvero accade una dissociazione. Nella mente avviene una frattura di parti estremamente importanti, che per un certo periodo di tempo smettono di dialogare fra loro. La causa spesso è una condizione di 'super' stress".

Secondo lo specialista per evitare che micidiali vuoti di memoria colpiscano categorie sensibili, mettendo a rischio la vita di passeggeri o pendolari, si deve prevedere una sorta di 'stanza di compensazione'. "Ovvero una riduzione dei forti stimoli esterni - afferma Di Giannantonio - e la ricostruzione di riserve energetiche interne. Senza dimenticare il distacco forzato dal lavoro". Insomma, in certi casi è bene prendersi una pausa. "Nei casi medio-lievi basterà una settimana, nei casi gravi anche tre".

 

Per il padre di Elena lo psichiatra sottolinea la necessità di una psicoterapia psicoanalitica. "Perché il trauma - afferma - è enorme, e il genitore deve essere aiutato a separare il dolore drammatico della perdita dal dolore della colpa. Che in questo caso - dice - non c'è".

"Altro strumento nelle mani della prevenzione - sottolinea lo psichiatra - è la determinazione preventiva del livello di stress. Un'osservazione scientifica che valuta e monitora il grado di attenzione, concentrazione e stress a cui sono sottoposti quotidianamente migliaia di lavoratori. Cosa che già accade con i piloti civili e militari - conclude - ma sarebbe interessante diffondere questa pratica in altri campi". Onde evitare che piccole dimenticanze e vuoti di memoria si trasformino in drammi.



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 04/12/2016