Indietro

FANS: maggior rischio di infarto ed ictus

clicca per votare





FANS: maggior rischio di infarto ed ictus FANS: maggior rischio di infarto ed ictus


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 27/09/2011

Modificato il 27/09/2011

Un nuovo studio internazionale rileva che gli antidolorifici e gli antinfiammatori molto comuni, i cosiddetti Fans (farmaci antiflogistici non steroidei), possono aumentare di un terzo il rischio di infarto o ictus. Alcuni ricercatori della Hull York Medical School, una joint venture tra le Università di Hull e di York, il NHS del Regno Unito e l'Institute for Clinical Evaluative Sciences in Canada, hanno passato in rassegna 51 studi su larga scala condotti sui Fans in Europa, USA, Canada e Australia. I risultati sono stati pubblicati online questa settimana sulla rivista PLoS Medicine.

 

Dalla ricerca emerge che i pazienti con problemi cardiaci che hanno utilizzato Fans, hanno dimostrato un rischio significativamente più elevato di eventi cardiovascolari gravi, come infarto o ictus, rispetto ai pazienti che non li hanno utilizzati. Tuttavia, altri Fans comuni, tra cui naprossene e basse dosi di ibuprofene, non sembrano essere collegate a un aumento di questo rischio.

"I Fans forniscono sollievo al dolore per milioni di pazienti con malattie infiammatorie croniche. Il rischio cardiovascolare - ha affermato Patricia McGettigan della Hull York Medical School - è ben descritto, anche se spesso viene trascurato. Nella scelta dei molti Fans disponibili, i pazienti e i medici dovrebbero trarre beneficio dalla conoscenza del giusto equilibrio tra danni e benefici dei singoli Fans a seconda dei casi".

 

Molte persone usano Fans per alleviare il dolore e per i loro effetti antinfiammatori contro patologie come cefalea, artrite, dolore alla schiena, gotta e dolori influenzali. Nel 2010 nella sola Inghilterra sono state effettuate quasi 17 milioni di prescrizioni di Fans, cioè uno ogni tre abitanti.

Di questi, quasi 6 milioni, più di un terzo, hanno riguardato il diclofenac, 5 milioni per l'ibuprofene e 3 milioni per il naprossene. Tutti questi possono anche essere acquistati senza prescrizione medica.

 

I ricercatori hanno scoperto che tra i Fans più comunemente utilizzati, il più alto rischio è stato osservato per il diclofenac, che è stato complessivamente collegato a un aumento del circa 40 per cento di un evento cardiovascolare come infarto o ictus. "In altre parole, un paziente su 50 potrebbe subire un attacco cardiaco evitabile. Si tratta di dati e informazioni importanti, in particolare se vi è un'alternativa piu' sicura", ha aggiunto McGettigan.

Il Fans più sicuro sembra essere il naprossene. La British Heart Foundation (BHF), ha esortato i pazienti che stanno già stanno assumendo Fans di non allarmarsi. "Come per ogni farmaco, ci sono benefici e potenziali rischi nel prendere degli antidolorifici", ha osservato Doireann Maddock, Senior Nurse della BHF. "Prima di prendere qualsiasi iniziativa - ha concluso - è necessario parlare col nostro medico, perchè i benefici potrebbero superare i rischi".



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 22/10/2017