Indietro

Ipertensione: un campanello d’allarme per ictus

clicca per votare





Ipertensione: un campanello d'allarme per ictus Ipertensione: un campanello d’allarme per ictus


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 25/12/2011

Modificato il 25/12/2011

Una variazione nella pressione sanguigna nella mezza età aumenta in modo significativo il rischio di avere un infarto o ictus.

Almeno questo è quanto emerso da una nuova ricerca della Northwestern Medicine pubblicata sulla rivista Circulation, secondo cui è importante mantenere bassa la pressione per prevenire malattie cardiache future.

 

Gli uomini e le donne che hanno sviluppato problemi di ipertensione nella mezza età o che hanno iniziato a soffrire di pressione alta hanno il 30 per cento di rischio in più di avere un attacco di cuore o un ictus rispetto a quelli che tenevano la pressione sanguigna bassa.

Si tratta del primo studio che collega una variazione della pressione sanguigna alle malattie cardiovascolari indicando un'età precisa, dai 41 ai 55 anni.

 

"Abbiamo trovato che più siamo in grado di prevenire l'ipertensione o rimandarla, minore è il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari", ha detto Norrina Allen, che ha coordinato lo studio.

"Anche per le persone con una pressione sanguigna normale - ha continuato - vogliamo essere sicuri che la mantengano a quel livello e non inizi ad aumentare nel tempo". Per arrivare a queste conclusioni gli scienziati hanno utilizzato i dati di 61.585 persone che hanno preso parte al Cardiovascular Lifetime Risk Pooling Project.

 

A partire dalla lettura della loro pressione basale a 41 anni, i ricercatori hanno misurato la pressione arteriosa di nuovo a 55 anni e poi seguito i pazienti fino al verificarsi del primo infarto o ictus. Gli uomini che hanno sviluppato l'ipertensione nella mezza età o che hanno iniziato a soffrire di pressione alta hanno avuto il 70% del rischio di avere un attacco di cuore o un ictus rispetto al 41% degli uomini che hanno mantenuto bassa la pressione.

Le donne che hanno sviluppato l'ipertensione invece sono risultate avere un rischio del 50% di subire un infarto o un ictus rispetto al 22% di colore che tenevano la pressione sanguigna bassa.

"La nostra ricerca suggerisce che le persone possono adottare misure preventive per mantenere la loro pressione sanguigna bassa presto per ridurre le loro probabilità di un attacco di cuore o ictus", ha detto Donald M. Lloyd-Jones, coautore dello studio.



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 03/12/2016