Indietro

Le staminali impiantate vanno a 'riparare' le malattie genetiche del feto

clicca per votare





Cellule madre per curare malattie genetiche già nel pancione nuove speranze da uno studio statunitense

Trapianto di staminali nel feto Trapianto di staminali nel feto


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 21/01/2011

Modificato il 01/02/2011

Nuove speranze da uno studio statunitense per trattare malattie genetiche del bebé già nel pancione. Le 'cellule bambine' della futura madre, estratte dal midollo osseo, possono essere iniettate nel feto per contrastare patologie genetiche ancor prima della nascita. Una strada che in realtà i ricercatori avevano già tentato in passato, ma che era apparsa piena di ostacoli, spingendo gli studiosi a perdere interesse per questo importante filone di ricerca. A riabilitarlo sono ora i ricercatori della University of California, a San Francisco, che hanno pubblicato i risultati del loro promettente studio sul 'Journal of Clinical Investigation'. Attraverso una serie di esperimenti su topi in laboratorio, il team guidato da Tippi MacKenzie ha stabilito che è in realtà la risposta immunitaria della madre a porre una barriera al trapianto di cellule staminali nel feto. L'unico modo per superare questo ostacolo è trapiantare 'cellule bambine' estratte proprio dalla madre in attesa. "Questa ricerca è davvero emozionante perché ci offre una semplice, elegante soluzione che rende il trapianto fetale di cellule staminali un obiettivo raggiungibile - spiega MacKenzie - Ora, per la prima della nascita". Il trapianto fetale di cellule staminali consiste nel prelevare le cellule sane dal midollo osseo di un donatore per poi innestarle nel feto attraverso iniezioni eco-guidate. Quando ha successo, le staminali impiantate vanno a 'riparare' i danni, contrastando eventuali malattie genetiche che il feto presenta. In teoria, un feto in via di sviluppo ha un sistema immunitario 'immaturo' e ciò dovrebbe facilitare la possibilità di trapianti di successo, dato che il rischio di rigetto è basso e la necessità di una terapia a lungo termine a base di immunosoppressori può essere evitata. "Il fatto che il trapianto sul feto di cellule staminali non avesse avuto molto successo era sconcertante, soprattutto in considerazione del dogma, diffuso tra gli scienziati, che il sistema immunitario del feto può adattarsi a tollerare sostanze estranee - fa notare Qizhi Tang, co-autore della ricerca californiana - La scoperta sorprendente del nostro studio è che la colpa era del sistema immunitario della madre". "Ora che sappiamo che il feto può tollerare una fonte di staminali 'esterne' - aggiunge MacKenzie - Possiamo davvero pensare in grande e prendere in considerazione l'ipotesi di utilizzare 'cellule bambine' per trattare di tutto, dai disturbi neurologici ai problemi muscolari prima della nascita".



Fonti:

Per approfondire Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 04/12/2016