Indietro

Nuove metodologie per la diagnosi del glaucoma

clicca per votare





Nuove metodologie per la diagnosi del glaucoma Nuove metodologie per la diagnosi del glaucoma


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 28/10/2011

Modificato il 28/10/2011

Un team di ricercatori inglesi ha appena messo a punto un nuovo metodo per la diagnosi del glaucoma. Questo potrebbe cambiare il modo in cui gli operatori sanitari misurano la pressione oculare e quindi potrebbe consentire di anticipare la diagnosi di rischio e aumentare i margini di riuscita dell'intervento.

Il glaucoma è la seconda causa più comune di perdita irreversibile della vista in tutto il mondo. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Investigative Ophthalmology & Visual Science e riporta la distribuzione e le cause della cosiddetta pressione intraoculare (IOP).

 

Secondo gli autori, i medici hanno da tempo riconosciuto che i metodi clinici di valutazione della pressione oculare presentavano alcuni difetti di precisione, soprattutto in conseguenza delle proprietà fisiche della cornea. Lo studio appena pubblicato rappresenta il primo studio su larga scala basato sulla popolazione relativo alle misure di biomeccanica della cornea.

"In precedenza, è stata utilizzata una misura piuttosto grezza, ovvero lo spessore corneale centrale, come indice di biomeccanica della cornea", ha detto l'autore della ricerca Paul J. Foster, docente presso lo University College London Institute of Ophthalmology, "Ora abbiamo usato un dispositivo che genera misure di biomeccanica della cornea in collaborazione con IOP e tenta di correggere IOP in relazione alle proprietà fisiche corneali".

 

Reclutati tra il 1993 e il 1997, la coorte dello studio ha incluso circa 25.000 uomini e donne, prevalentemente caucasici, di età compresa tra 40-79 che vivono nella parte orientale dell'Inghilterra. Dal 2006 al 2010, un esame di salute è stato condotto per valutare in modo oggettivo diverse caratteristiche fisiche, cognitive e oculari dei partecipanti.

Il team di ricerca ha utilizzato un tonometro senza contatto, l'analizzatore di risposta oculare, per ottenere la pressione dell'occhio e della cornea e dati biomeccanici di 4.184 partecipanti allo studio, di età compresa tra i 48 anni e 91 anni.

"Le misurazioni più accurate della pressione intraoculare e l'interpretazione dei risultati in termini di ciò che si vede nella popolazione normale sono parametri fondamentali nel momento in cui gli operatori sanitari effettuano esami oculistici di routine", ha detto Foster. "Useremo i nostri risultati per valutare la validità delle attuali linee guida di trattamento del glaucoma, rispetto ai livelli di rischio attribuiti a specifici livelli di pressione intraoculare".



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link oppure Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 07/12/2016