Indietro

Pillola del giorno dopo, non più una ‘bomba’ ormonale

clicca per votare





Minimi effetti collaterali

Pillola del giorno dopo, non più una ‘bomba' ormonale Pillola del giorno dopo, non più una ‘bomba’ ormonale


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 28/04/2011

Modificato il 28/04/2011

In Italia il 2,5% delle donne tra i 15 e i 49 anni ricorre alla pillola del giorno dopo, con un'incidenza tra le più basse in Europa. E' la fotografia sull'uso nel nostro Paese della contraccezione d'emergenza, scattata dall'associazione Vita Donna Onlus, che ha presentato a Roma il primo rapporto del servizio SOS pillola del giorno dopo.

L'appuntamento ha rappresentato l'occasione per un confronto con i consultori, sia pubblici che privati, con l'obiettivo di riflettere su una concreta strategia preventiva per contrastare il ricorso all'interruzione volontaria di gravidanza, partendo da una corretta informazione e dai servizi sul territorio.

 

Dal rapporto è emersa una insufficiente informazione sulla contraccezione di emergenza tra le donne, ma talvolta anche tra i medici. "Per molte pazienti - spiega Vincenzo Spinelli, direttore sanitario dei consultori AIED (Associazione Italiana per l'Educazione Demografica) - si tratta ancora di una bomba ormonale. Una convinzione che non ha riscontro nelle attuali formulazioni: gli effetti collaterali della moderna contraccezione di emergenza sono minimi.

L'OMS considera la pillola del giorno dopo un farmaco essenziale e la colloca per la contraccezione in classe 1, vale a dire che non vi sono restrizioni di uso del metodo. Non a caso in alcuni Paesi europei è possibile acquistarla senza ricetta medica".

 

Secondo Spinelli è però necessario "accrescere il livello di conoscenza da parte dei medici, far capire che è un farmaco sicuro. In questo modo - aggiunge l'esperto - saremmo anche in grado di assicurare un'informazione corretta alle donne. Spesso viene sollevata l'obiezione che, se si rende accessibile la pillola del giorno dopo, il farmaco potrebbe essere utilizzato in luogo della contraccezione abituale. Noi come AIED - conclude Spinelli - non riscontriamo un uso sistematico della pillola del giorno dopo come pratica contraccettiva".



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 09/12/2016