Indietro

Scoperto il legame tra cura ormonale sostitutiva e neoplasia mammaria

clicca per votare





Scoperto il legame tra cura ormonale sostitutiva e neoplasia mammaria Scoperto il legame tra cura ormonale sostitutiva e neoplasia mammaria


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 30/12/2011

Modificato il 30/12/2011

Un gruppo di ricercatori della McMaster University ha trovato prove coerenti sul collegamento tra la terapia ormonale sostitutiva (HRT) e il cancro al seno.

Questo studio arriva in un momento in cui sono sempre più numerose le donne che fanno ricorso a questa terapia per controllare le vampate di calore e altri sintomi della menopausa.

Già in uno studio del 2002, la Women Health Initiative statunitense (WHI) aveva trovato una maggiore incidenza di cancro al seno, di infarto e ictus tra le donne che ricorrono alla HRT.

 

In seguito allo studio c'è stato un rapido declino della terapia ormonale sostitutiva con conseguente riduzione dell'incidenza di cancro al seno in molti paesi.

Tuttavia, l'HRT viene oggi proposto alle donne in piccole dosi e per un periodo di tempo più breve. Con questo studio ora i ricercatori della McMaster hanno trovato ''prove convincenti'' per una diretta associazione tra l'uso di terapia ormonale sostitutiva e l'aumento dell'incidenza della malattia.

I risultati della ricerca saranno pubblicati nel gennaio 2012 sul Journal of Epidemiology e Community Health.

 

''Le prove sono convincenti circa il fatto che l'uso di TOS aumenta il rischio di cancro al seno, e inoltre circa il fatto che la sua cessazione riduce questo rischio'', hanno detto i ricercatori. Kevin Zbuk, Professore di Oncologia presso il Michael G. DeGroote School of Medicine della McMaster e autore principale dello studio ha affermato: ''Nel nostro studio abbiamo esaminato tutti gli studi che hanno riportato i tassi di cancro al seno e della terapia ormonale sostitutiva dopo lo studio WHI.

Ci sono prove molto chiare che i paesi con il più alto tasso HRT hanno poi fatto registrare la più grande riduzione dell'incidenza del cancro della mammella in seguito ala cessazione di questi tipo di terapia''.

''Se è necessario, questa terapia deve essere usata per il minor tempo possibile e - ha concluso Zbuk - alla dose più bassa necessaria per alleviare i sintomi''.



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 03/12/2016