Indietro

Sindrome da primavera: 2 milioni di italiani, irritabili e ansiosi

clicca per votare





La sindrome della primavera rende più ansiosi e meno concentrati

Sindrome da primavera per 2 milioni di italiani, irritabili e ansiosi Sindrome da primavera per 2 milioni di italiani, irritabili e ansiosi


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 03/04/2011

Modificato il 03/04/2011

Il clima primaverile e le giornate più lunghe non hanno solo effetti positivi per la salute psicofisica. Specie per quella delle donne: sono sei volte più spesso dei compagni vittime di disturbi legati all'attivo della bella stagione. "In generale circa due milioni di italiani risentono del cambio di stagione", una sorta di 'sindrome da primavera' "che regala irritabilità, aggressività, rende più ansiosi e meno concentrati". Lo rivela Claudio Mencacci, Direttore del Dipartimento di Neuroscienze all'Ospedale Fatebenefratelli di Milano. Una primavera 'maledetta' per colpa della luce. "Sono tutti disturbi legati alla modificazione della quantità di luce, che induce cambiamenti a livello cerebrale - spiega lo psichiatra - E se in molti risentono in generale dei cambi di stagione, quelli più 'pesanti' da superare sono proprio i passaggi dall'autunno all'inverno e dall'inverno alla primavera".

 

Per l'esperto, "nel primo caso i segnali rivelatori sono stanchezza, sonnolenza, perdita di concentrazione e aumento del consumo di carboidrati. Mentre con l'arrivo della primavera oltre alla stanchezza c'è proprio l'irritabilità, l'aggressività e il fatto di essere più ansiosi e meno concentrati". Le donne, prosegue, risulterebbero ben sei volte più colpite degli uomini. "Si tratta di disturbi affettivi che, in realtà, ci mostrano come siamo in collegamento con i ritmi della natura più di quanto non crediamo", aggiunge Mencacci. E se in queste settimane le piante sono in fermento, "in pratica, lo siamo anche noi". Non solo. L'arrivo della primavera e i fastidi tipici di questa stagione pesano in modo particolare "anche su quel 10% della popolazione afflitto da disturbi dell'umore, circa 5-6 milioni di persone, di cui il 40% soffre in modo particolare proprio i'passaggi' stagionali, con manifestazioni che vengono considerate un peggioramento". Cosa fare allora, oltre ad armarsi di pazienza, aspettando che il peggio passi? "Per chi è in cura - conclude - suggerisco un perfezionamento del trattamento farmacologico sulla base dei sintomi. Mentre, in generale, invito ad aumentare in questo periodo l'attività fisica, per favorire il processo di adattamento dell'organismo".



Fonti:

Per approfondire vedi: Dr. Claudio Mencacci - Fbf Milano





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 05/12/2016