Indietro

Stagione di nascita influenza rischio insorgenza celiachia

clicca per votare





Stagione di nascita influenza rischio insorgenza celiachia Stagione di nascita influenza rischio insorgenza celiachia


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 27/05/2011

Modificato il 27/05/2011

Nascere in particolari stagioni dell'anno sembra aumentare il pericolo di soffrire di celiachia. Secondo uno studio americano, presentato alla Digestive Disease Week (DDW) in corso a Chicago (Usa), la malattia celiaca è più comune nei bimbi nati in primavera o in estate. Un'incidenza collegata, ritengono i ricercatori del Massachussetts General Hospital for Children di Boston, a una particolare connessione di fattori stagionali e ambientali.

 

 

La ricerca è stata condotta su piccoli nati in Massachussetts e ha coinvolto 382 giovani pazienti con malattia celiaca confermata da una biopsia. Ancora oggi l'esatta causa della patologia è ignota, ma potenziali fattori scatenanti includono l'introduzione del glutine nella dieta del neonato e alcune infezioni virali nel primo anno di vita.

Secondo i ricercatori, anche la stagione della nascita avrebbe un ruolo, dal momento che normalmente i bimbi iniziano a mangiare biscottini, pappe e alimenti con glutine intorno ai 6 mesi di vita, cosa che per i piccini nati in primavera e in estate coincide con l'inizio della stagione fredda. Per verificare il legame tra stagioni e malattia, il team diretto da Pornthep Tanpowpong ha esaminato un gruppo di bimbi e ragazzi che avevano ricevuto la diagnosi tra gli 11 mesi e i 19 anni.

 

 

Tra i più grandicelli (15-19 anni) non è stato rilevato un legame particolare tra periodo del compleanno e malattia. Mentre nei 317 bimbi sotto i 15 anni il 57% era nato proprio in primavera o in estate (da marzo ad agosto).

Dal momento che la celiachia è una delle malattie autoimmuni più diffuse nell'infanzia, secondo il team la ricerca potrebbe avere importanti implicazioni per le famiglie e i pediatri. Insomma, potrebbe portare a ripensare al momento migliore per introdurre i cereali e altri alimenti che contengono il glutine nella dieta dei neonati.

Inoltre, secondo Tanpowpong, è il caso di esaminare a fondo il ruolo della luce solare e della vitamina D. "Se un bimbo è nato in primavera o in estate - conclude - potrebbe non essere ideale introdurre il glutine nella sua dieta nello stesso periodo di un piccino nato in inverno o in autunno. Insomma, se è vero che dobbiamo condurre ulteriori studi per verificare la nostra ipotesi, pensiamo che questa ricerca possa offrire interessanti indizi per prevenire la celiachia".



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 10/12/2016