Indietro

Terapia anticoagulante potrebbe aumentare il rischio di infarto

clicca per votare





Terapia anticoagulante potrebbe aumentare il rischio di infarto Terapia anticoagulante potrebbe aumentare il rischio di infarto


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 13/01/2012

Modificato il 13/01/2012

Un anticoagulante, il dabigatran etexilato, potrebbe aumentare il rischio di attacco di cuore. Lo affermano alcuni ricercatori della Cleveland Clinic, in Ohio, dopo aver esaminato sette studi che coinvolgono il dabigatran etexilato che hanno complessivamente riguardato più di 30.000 pazienti. La ricerca è stata pubblicata sugli Archives of Internal Medicine.
I ricercatori hanno trovato che il dabigatran etexilato era associato ad un aumento del rischio di infarto o di una sindrome coronarica acuta rispetto ad altri due fluidificanti del sangue di uso comune (warfarin e l'enoxaparina).
Tra coloro che hanno usato il dabigatran etexilato, l'1,19% ha avuto un attacco di cuore o ha sofferto da sindrome coronarica acuta rispetto allo 0,79% di coloro che hanno adottato un altro farmaco.
Anche se c'è stato un aumento del 33% del rischio relativo di un attacco di cuore tra coloro che adottavano il dabigatran etexilato, il rischio assoluto maggiore è stato dello 0,27%.

Il farmaco è stato approvato dalla US Food and Drug Administration nel mese di ottobre 2010 per le persone con un problema molto comune del ritmo cardiaco, la fibrillazione atriale.
Le persone con fibrillazione atriale sono esposte a un più alto rischio di ictus, cui spesso vengono prescritti farmaci per prevenire la coagulazione.
Il dabigatran etexilato è spesso prescritto come alternativa al warfarin, un farmaco che è stato utilizzato per lungo tempo ma che può aumentare il rischio di sanguinamento e che pertanto è difficile da dosare correttamente.

''Tuttavia, il beneficio del farmaco per i pazienti con fibrillazione atriale supera il rischio'', ha detto Ken Uchino, Direttore del Vascular Neurology Fellowship Training Program presso la Cleveland Clinic.
Sulle ragioni per cui il dabigatran etexilato sia associato a un aumento del rischio di attacco di cuore non è ancora stata fatta chiarezza.
''È possibile - ha concluso Uchino - che il farmaco non aumenti il rischio di attacco cardiaco direttamente, ma attraverso reazioni indirette.
I produttori del farmaco (Boehringer Ingelheim) si difendono. ''Non siamo d'accordo con la conclusione e il metodo usato per questa meta-analisi - ha detto John Smith, Vice Presidente Senior per lo sviluppo clinico della multinazionale - sulla base di tutti i dati, concludiamo che l'attacco di cuore non è una conseguenza avversa del trattamento con il dabigatran etexilato ''.



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link oppure Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 04/12/2016