Indietro

Terapia del dolore ancora poco conosciuta

clicca per votare





Terapia del dolore ancora poco conosciuta Terapia del dolore ancora poco conosciuta


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 12/06/2012

Modificato il 12/06/2012

Sul diritto del paziente oncologico a non soffrire la strada è ancora lunga: dai risultati emersi da un sondaggio della onlus 'Vivere senza dolore' e dalla campagna di sensibilizzazione portata avanti dal Progetto Behta, sostenuto dall'azienda farmaceutica Grunenthal, ne esce un quadro che denota una carenza informativa sia dei medici sia dei cittadini-pazienti.

Occasione per parlare della legge 38, quella sulla Terapia del dolore e cure palliative, è stato l'incontro a Milano in cui si è stilato un bilancio del Progetto Behta che mira alla formazione-informazione al riguardo. E a tratteggiare la situazione, tra gli altri, è stato il Prof. Guido Fanelli, presidente della Commissione nazionale cure palliative e terapia del dolore del Ministero della Salute, che ha spiegato come ''da un sondaggio realizzato da 'Vivere senza dolore' risulta che il 70% dei cittadini non conosce l'esistenza della legge 38, mentre per quanto riguarda i medici il 50% non l'ha letta''.

 

Il quadro è lo stesso di quello emerso proprio dal Progetto Behta, un tour di oltre 4 mila km per l'Italia che ha toccato 14 città, formando oltre 500 medici specialisti e informato centinaia di italiani. ''L'iniziativa ha consentito tra anche di evidenziare che una buona norma, quale la legge 38 - hanno sostenuto gli organizzatori -, da sola non basta a generare una cultura della terapia del dolore che va costruita nelle reti, nell'aggiornamento continuo degli specialisti e nel continuo contatto fra curati e pazienti''.

In particolare poi, ''stando alle informazioni di ritorno provenienti dai cittadini - hanno proseguito -, solo una minoranza è a conoscenza della legge 38 ed è preponderante la quota di coloro che ritengono inadeguate le cure somministrate a chi ha dolore''. ''Ci sono 100 milioni all'anno da usare per la formazione'', ha aggiunto Fanelli che ha sottolineato come in Italia ogni anno ''si spendano 160 milioni di euro di paracetamolo, contro i 70 milioni di oppioidi'', di cui ha auspicato una crescita nei prossimi anni.

Al centro del Progetto Behta, oltre alla legge 38, c'era anche una particolare forma di dolore che colpisce i malati di cancro, il 'Breaktrough cancer pain' (BTcP), ovvero un dolore episodico intenso che interessa - dati dei promotori del progetto - circa il 60% dei malati già affetti da dolore cronico oncologico e che si manifesta da 1 a 4 volte al giorno con una durata media di 30 minuti.



Fonti:

Per Approfondire: Vivere Senza Dolore oppure Vedi Link oppure Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 03/12/2016