Indietro

Trasparenza e sostegno psicologico alle famiglie dei pazienti oncologici, umanizzare l’oncologia è possibile

clicca per votare





Trasparenza e sostegno psicologico alle famiglie dei pazienti oncologici, umanizzare l'oncologia è possibile Trasparenza e sostegno psicologico alle famiglie dei pazienti oncologici, umanizzare l’oncologia è possibile


Scritto da

AdnKronos Salute (Agenzia Giornalistica di Comunicazione)


Pubblicato il 19/07/2012

Modificato il 19/07/2012

Umanizzare davvero l'oncologia, puntando sulla trasparenza e sul sostegno psicologico alle famiglie dei pazienti. Sono queste alcune delle priorità sulle quali lavorare secondo Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, che questa mattina ha presentato a Roma un dossier su prevenzione e cure oncologiche.

"Occorre applicare nei reparti l'articolo 7 della legge 38/10, vale a dire la registrazione in cartella clinica del dolore, con le sue caratteristiche e l'evoluzione nel corso del ricovero", sottolinea il Tdm, evidenziando che bisogna in ogni caso "garantire il sostegno psicologico anche ai familiari, in ogni fase dell'assistenza: dalla comunicazione della diagnosi alle cure ospedaliere e domiciliari, fino alle cure palliative e all'elaborazione del lutto".

Inoltre, aggiunge Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, è necessario garantire "la trasparenza, l'adeguatezza e l'omogeneizzazione dei tempi di attesa per ogni prestazione (dalla visita, al ricovero, all'intervento, all'esecuzione di esami e di test genetici), rispettando gli standard temporali previsti dal ministero della Salute e rendendo pubblici per i cittadini i tempi che ogni realtà aziendale è in grado di assicurare, anche per gli interventi e l'esecuzione di prestazioni di anatomia patologica e test genetici".

Solo 3 strutture su 33 adottano un sistema di incentivi o disincentivi per la registrazione in cartella clinica del dolore provato dai pazienti durante il ricovero e le terapie, a 2 anni di distanza dalla legge (la 38 del 2010) che invece la impone. E se 24 strutture hanno almeno predisposto un apposito spazio in cartella clinica, in 9 manca anche quello, confermano i dati di Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato.

Dall'indagine, che ha passato al 'setaccio' 33 strutture di 13 diverse Regioni, emerge come nel nostro Paese sussistano differenze 'federali' non solo tra una Regione e l'altra ma anche tra Asl differenti all'interno delle stessa Regione. Un dato, questo, che vale per i tempi di attesa minimi e massimi per alcune tipologie di interventi programmati, qui lo scostamento più diffuso è di 5 giorni ma in alcune realtà arriva fino a 20 giorni, ma anche per i Percorsi Diagnostico Terapeutici (PDT).

Nel caso di un pdt del cancro del colon retto, ad esempio, spiega il tdm, l'erogazione della prima visita è' prevista entro 3 giorni in 4 realtà, ma si può arrivare ad attendere anche 60 giorni; mentre per l'intervento l'attesa può oscillare da 3 a 30 giorni e per la radioterapia da 10 a 30 giorni.

E situazione analoga avviene per il cancro alla mammella: prima visita in 3 giorni o 60 giorni, intervento in 3 o 30 giorni e radioterapia che può essere erogata in 3 o 90 giorni.



Fonti:

Per Approfondire: Vedi Link oppure Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 04/12/2016