Indietro

Scoliosi: deformazione della colonna vertebrale

clicca per votare





Scoliosi Scoliosi Difetto di postura Difetto di postura Ginnastica correttiva Ginnastica correttiva


Scritto da

Massimo Miliani, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)


Pubblicato il 04/06/2010

Modificato il 04/06/2010

La scoliosi è una deformazione permanente della colonna vertebrale: consiste in una curvatura laterale immodificabile volontariamente, da non confondere con la cifosi (convessità frontale) o la lordosi (convessità dorsale). In casi di scoliosi accentuata la deviazione è accompagnata da una torsione che influisce sulla posizione delle articolazioni, dei legamenti e dei muscoli vertebrali. La scoliosi può essere cervicale, dorsale e lombare, a seconda della localizzazione, e che quindi può generare differenti manifestazioni di mal di schiena (lombalgia, lombosciatalgia, cervicalgia); un caso su cinque di scoliosi si accompagna anche alla spondilolistesi, ossia dallo scivolamento di una vertebra sull'altra.

 

Scoliosi, due tipologie ben distinte
Esistono due tipi di scoliosi: il primo, più grave, è la deformazione permanente della colonna vertebrale (dismorfismo); il secondo e più diffuso è il cosiddetto atteggiamento scoliotico (paramorfismo) e riguarda un difetto di postura correggibile volontariamente. La scoliosi posturale si manifesta in seguito ad atteggiamento ipercifotico o “dorso curvo”, ossia un'accentuazione della normale curvatura della colonna vertebrale. Altre cause sottostanti la scoliosi posturale sono date dalla differente lunghezza degli arti inferiori (dismetria), dalla lussazione dell'anca e dalla malformazione dei muscoli del tronco.
La scoliosi strutturale può, invece, essere suddivisa in due tipologie: quella idiopatica, dalle cause ancora sconosciute e che si sviluppa nell'età della crescita, e quella congenita, ossia dovuta a malformazioni appunto congenite della colonna vertebrale.

 

Rimedi: dai corsetti all'operazione
Una volta diagnosticata la scoliosi mediante radiografia in posizione ortostatica (in piedi) e controllo visivo, in caso di patologia lieve è sufficiente correggere la tendenza della colonna vertebrale a curvare lateralmente mediante ginnastica o l'utilizzo di un corsetto di plastica o vetroresina. Qualora la deformazione fosse grave, ossia quando le curve hanno raggiunto un grado di curvatura superiore ai 60 gradi Cobb, si rende necessario l'intervento chirurgico. L'operazione della scoliosi è molto complessa in quanto consiste in un trapianto osseo nella parte posteriore della colonna vertebrale e l'inserimento di una piastra in titanio in grado di bloccare la tendenza all'incurvamento. Al termine dell'intervento, il paziente dovrà utilizzare per circa un mese un busto fissativo e in seguito sottostare a un periodo di fisioterapia necessario a ripristinare il naturale livello muscolare e tendineo.



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 05/12/2016