Indietro

Carcinoma midollare della tiroide: Vandetanib, una speranza di cura

clicca per votare





Carcinoma midollare della tiroide Carcinoma midollare della tiroide


Scritto da

Maria Grazia Piemontese 
Dott.ssa in Lettere
Blogger ABCsalute.it/blog 


Pubblicato il 20/09/2013

Modificato il 20/09/2013

Il carcinoma midollare della tiroide – CMT- è un malattia rara che colpisce ogni anno circa 200 persone in Italia e 2.400 in Europa. È un carcinoma diverso dalle altre forme tumorali tiroidee perché, a differenza di quello papillare, follicolare e anaplastico, il carcinoma midollare della tiroide non origina dalle cellule tiroidee ma dalle cellule C. Si tratta di cellule che producono la calcitonina, una sostanza impiegata come marker per diagnosticare e monitorare il CMT.

 

Fino a 20 anni fa non esisteva alcuna cura contro il carcinoma midollare della tiroide, l’unica debole speranza di salvezza per i malati era o l’asportazione della tiroide - ma solo in caso di diagnosi precoce, o la chemioterapia, il più delle volte inutile. In due decenni, i progressi della ricerca hanno migliorato sia le aspettative di vita dei pazienti che le possibilità di cura. Ciò è possibile grazie al Vandetanib, un farmaco approvato dall’EMEA nel febbraio 2012 e che ha ricevuto l’Autorizzazione all’Immissione in Commercio (AIC) nel giugno 2013. Vandetanib è il nome dell’unica molecola capace di: inibire la crescita del tumore, arginare il flusso di sangue che alimenta le cellule tumorali, bloccare l’azione dei recettori EGFR e RET responsabili della trasmissione degli input di crescita delle cellule tumorali.

 

Il CMT coinvolge allo stesso modo uomini e donne, e può essere sporadico o familiare. Nella forma sporadica, colpisce persone oltre i 40 anni e dipende esclusivamente dalle cellule tumorali; nella forma familiare, invece, il carcinoma midollare della tiroide si manifesta in giovane età, dipende da una mutazione del DNA, precisamente dell’oncogene RET, e si trasmette geneticamente nel 25% dei casi.

 

La possibilità di cura con il Vandetanib è una conquista recente di cui solo pochi pazienti sono a conoscenza. Per questo i massimi esperti del carcinoma midollare della tiroide - Dr Rossella Elisei, Dr Sebastiano Filetti e Dr Lisa Licitra – si sono incontrati a Roma lo scorso 17 settembre per rendere nota la disponibilità della nuova cura e per sottolineare la necessità di fare rete, sia tra i malati di CMT che tra le strutture clinico-ospedaliere. Vandetanib rappresenta una rivoluzione nel trattamento della patologia, perché è un farmaco in pillola, e la persona affetta da questa particolare forma di carcinoma può assumerlo ovunque. Cade dunque la necessità di ospedalizzazione, un vincolo che fino a pochi anni fa limitava la qualità della vita dei pazienti.

 

La sensibilizzazione alla cura del carcinoma midollare della tiroide è sottolineata nel manifesto sottoscritto dall’Osservatorio delle Malattie Rare che puoi scaricare subito.



Fonti:

Osservatorio Malattie Rare





Commenti

  • il 25/09/2013

    Sara55 ha commentato:


    Bisognerebbe aumentare la comunicazione globale sulle mattie rare.. spesso non si è neanche a conoscenza di cosa vivono alcune persone.. resto sgomenta al solo pensiero di ammalarmi e non potere avere cure xchè non viene sonvenzionata la ricerca..

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 05/12/2016