Indietro

Coppia bianca: il possibile percorso psico-sessuologico

clicca per votare





Coppia bianca e percorso sessuologico Coppia bianca e percorso sessuologico


Scritto da

Dott. Raffaele Bifulco


Pubblicato il 18/05/2015

Modificato il 18/05/2015

Dopo aver fatto chiarezza sulla definizione di coppia bianca e sull’impossibilità di avere rapporti completi, parliamo adesso di come un medico sessuologo può aiutare a superare il disturbo causa di disagi personali e di coppia.

 

La sessualità non vissuta volontariamente in modo completo sposta il baricentro della stabilità di coppia in direzioni di crisi importanti che possono anche determinare l’interruzione dei legami affettivi. Secondo il mio parere, l’intervento psico-sessuologico dovrebbe essere tempestivo e assolutamente centrato sulla realtà specifica della coppia.

 

Il percorso da compiere non può essere standardizzato ma deve rispondere in maniera puntualealle caratteristiche di personalità, ai disagi interiori, alle “crisi relazionali” e ai problemi concreti che presentano i due partner. Comunemente, il “dramma” patito da una coppia bianca riguarda il “malessere da deprivazione” di un naturale e appagante piacere sessuale e, in casi specifici, dal conseguente impedimento di concepire un figlio.

 

Gli effetti possono essere anche gravemente destabilizzanti. Ne conseguono quasi sempre, infatti, dinamiche di relazione, forme di comunicazione e meccanismi di comportamento disfunzionaliche aggravano la situazione e, spesso, concorrono al collasso della coppia stessa. Sul piano individuale,i partner subiscono ferite importanti alla loro identità sessuale, maschile e/o femminile, indipendentemente dal loro orientamento sessuale.

 

Ribadisco che per una coppia che si scopre nella condizione di impossibilità di compiere rapporti sessuali completi è di assoluta importanza affrontare in modo franco e proattivo la questione. Prima che i sentimenti di unità, amore e solidarietà siano compromessi, è fondamentale rivolgersi subito a uno specialista del campo sessuologico eapprocciare la questione insieme a lui.

 

Alla luce dell’esperienza clinica sottolineo che è necessario mettere da parte i deleteri sentimenti individuali di colpa e di inadeguatezza a cui si è quasi sempre esposti in questi casi. Alla stessa maniera,va sospeso ogni atteggiamento di giudizio e accusa del partner: questo è l’errore più diffuso e pericoloso. Le problematiche dell’intimità vanno vissute come comuni e mai affrontate non come un handicap di uno dei due partner. Le prognosi più favorevoli, infatti, sono intrinsecamente collegate agli atteggiamenti di empatia e reciprocità delle persone, sia nel sostegno morale che nell’aiuto pratico: è la coppia, intesa come entità unica, che è chiamata a superare le problematiche della sessualità e costruire la propria integrazione affettivo-relazionale. 





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 08/12/2016