Indietro

Acne: malessere giovanile e non solo

clicca per votare





Brufoli Curare l'acne Pustole Acne volgare Acne volgare L'acne


Scritto da

Francesco S. Cantù, giornalista pubblicista (Ordine giornalisti della Lombardia) tessera N° 118321


Pubblicato il 08/10/2009

Modificato il 08/10/2009

L'acne volgare è una malattia infiammatoria del follicolo pilo-sebaceo che colpisce nella sua forma lieve circa il 90% degli adolescenti. Però ultimamente pare interessare anche i trenta-quarantenni, soprattutto donne. L’acne volgare si manifesta tipicamente al volto e alla parte superiore del tronco, con lesioni, a seconda della gravità, quali comedoni, papule, pustole, noduli e cisti.

 

Tre sono gli eventi principali coinvolti nella patogenesi dell’acne: l’ipercheratosi della guaina epiteliale esterna che riveste i follicoli piliferi, dovuta a un’accelerata produzione di materiale corneo che concorre, con la ritenzione di sebo, alla formazione del comedone, il cosiddetto punto nero; l’aumentata produzione di sebo nelle regioni dove le ghiandole sebacee sono più voluminose, come volto, dorso, décolleté; la colonizzazione dei follicoli piliferi da parte del Propionibacterium acnes, il batterio che causa l’infezione nell’acne e la conseguente formazione di pustole, ossia i brufoli, noduli, ecc. Tali eventi dipenderebbero da una maggiore biodisponibilità degli androgeni, gli ormoni sessuali maschili, a livello delle ghiandole sebacee e dei cheratinociti, le cellule dell’epidermide. Ciò avviene in entrambi i sessi, perché gli androgeni sono prodotti oltre che a livello testicolare, in minor quantità anche dalle ovaie e dalle ghiandole surrenali.

 

L’acne volgare si dice polimorfa perché spesso coesistono diverse lesioni come comedoni, papule e pustole, ed è costante la presenza di sebo che dà il caratteristico aspetto oleoso, lucido alla cute. Inoltre una cura non appropriata o “fai da te” e l’abitudine di strizzare brufoli e punti neri possono causare lesioni permanenti, come le cicatrici.

 

L’acne volgare può causare negli adolescenti problemi psicologici perché può segnare pesantemente la pelle sia nel corso della sua fase attiva sia in seguito, quando le lesioni si sono cicatrizzate, con notevole impatto sulla vita affettiva, sociale e professionale del soggetto.


Domande più frequenti

1. L’acne colpisce più i maschi o le femmine?
Il sesso maschile è lievemente più colpito durante l’adolescenza. Per alcuni studiosi l’incidenza è del 91% nei maschi e del 79% nelle femmine durante l'adolescenza e del 3% nei maschi e del 12% nelle femmine in età adulta.
2. Si può guarire dall’acne?
L’acne migliora dopo mesi di cure costanti e, una volta ottenuta la regressione, è necessario continuare con i trattamenti di mantenimento per evitare le recidive.
3. Un’alimentazione ricca di grassi o cioccolato influenza l’acne?
Il cibo non influenza l’insorgenza o il peggioramento dell’acne. Una dieta scorretta induce altre problematiche, ma non l’acne.
4. Portare i capelli sulla fronte, aumenta l’acne?
Tenere i capelli sulla fronte non permette al sebo di fluire liberamente e ciò aumenta l’oleosità della pelle, non migliorando la situazione.
5. Le lampade abbronzanti fanno bene all’acne?
Apparentemente sì, poiché l’abbronzatura maschera le lesioni infiammatorie, ma in realtà i raggi ultravioletti, sia artificiali sia naturali come quelli del sole, inducono un peggioramento dell’acne, visibile successivamente.
6. Il make up fa peggiorare l’acne?
Ci sono in commercio prodotti creati appositamente per le pelli acneiche, non comdogenici e oil free, che possono essere utilizzati con tutta tranquillità e che aiutano molto i pazienti a essere costanti nella terapia. Si tratta di linee complete, con detergenti delicati, ma adatti, creme idratanti sebo regolatrici e opacizzanti da applicare al mattino, sotto l’eventuale make up, anch’esso studiato ad hoc. Il dermatologo, oltre alla terapia farmacologica topica e/o sistemica può consigliare i prodotti più idonei.
7. È vero che la pillola anticoncezionale può risolvere alcuni tipi di acne?
In alcune pazienti la terapia ormonale può essere di giovamento, ma sempre su indicazione del dermatologo e/o del ginecologo, previo alcuni esami ematochimici di tipo ormonale e l’ecografia ovarica, per rivelare la presenza di eventuali cisti. In ogni caso la terapia topica è sempre fondamentale.
8. Strizzare brufoli e punti neri crea infezioni aumentando l’acne?
Le pustole acneiche sono infettive, perciò si consiglia di non manipolare le lesioni per evitare di peggiorare i fenomeni infettivi e infiammatori locali e di lasciare cicatrici più evidenti.
9. Perché l’acne può essere così devastante sotto il profilo psicologico?
L’acne è in grado di provocare disturbi importanti della sfera psichica ed emozionale perché può portare l’adolescente che ne è affetto a un’alterata percezione del proprio corpo che si ripercuote anche sulla vita di relazione. L’acne può influenzare sentimenti, emozioni e i già difficili rapporti interpersonali di un’epoca tipicamente conflittuale, causando ansia e depressione.
10. Una persona coperta di cicatrici da acne può curarsi?
Attualmente le cure dermatologiche possono prevenire l’insorgenza delle cicatrici acneiche, per questo è importante non sottovalutare l’acne, anche nelle sue forme lievi, e rivolgersi allo specialista alla prima comparsa. Oggi comunque ci sono numerose tecniche che agiscono sulle cicatrici e che possono farle scomparire o migliorarle, ma è importante rivolgersi al dermatologo per avere il giusto consiglio per ogni specifico caso.




Fonti:

Rook A. "Textbook of Dermatology" - Fourth Edition Blackwell Scientific Publ. 1986
Caputo R., Monti M. "Manuale di Dermocosmetologia Medica" - Raffaello Cortina Editore 1995
A. Haynal, W.Pasini "Medicina Psicosomatica" - Ed. Masson, 1999
Crepaldi C., Baritussio A. "Trattato di Medicina Interna" - Ed. Piccin Nuova Libraria S.P.A., 2002
Beers M.H. "Il Manuale Merck per la Salute" - Raffaello Cortina Editore 2003
Kidd E.A.M., Smith B.G.N., Watson T.F.  "Pickerd's Manual of Operative Dentistry" - Eighth Ed. Oxford Univ. Press 2003
Janis J. E. "Essentials of Plastic Surgery" - QMP, Inc. 2006
Jackson T.L. "Moorfields Manual of Ophthalmology" - Mosby Elsevier Ed. 2007
Caruso A. "Manuale di ginecologia ed ostetricia" - CIC Ed. Intern. 2008
Harrison's "Principles of Internal Medicine" - Mc Graw-Hill Ed. 2008
AA.VV. "Enciclopedia della medicina" - De Agostini 1990
Rothenberg Robert E. "Enciclopedia della medicina" - Garzanti 1998
Galimberti U. "Enciclopedia di psicologia" - Garzanti 1999





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 11/12/2016