Indietro

Com’è composto il capello?

clicca per votare





Capelli Capelli


Pubblicato il 29/07/2016

Modificato il 29/07/2016

Articolo a cura del Prof. Gabriele Gallo, Medico chirurgo Specialista in Clinica Dermosifilopatica. 

 

La composizione del capello è di sicuro più complessa di quanto non si possa comunemente immaginare. Per capire com’è fatto, basta immaginare il capello come la struttura del tronco di un albero, in cui la maggiore quantità d'acqua è presente all'interno mentre la porzione esterna più povera d’acqua, è la parte più esposta agli agenti atmosferici e all’azione dei cosmetici.

 

Una cuticola sana garantisce una buona protezione a tutto il capello, mentre una cuticola alterata può causare un circolo vizioso per il deterioramento del capello stesso. In tal senso, anche il fusto del capello ha la sua importanza, sebbene le principali patologie tricologiche derivano essenzialmente da problematiche connesse con la parte "viva" del capello all'interno del follicolo pilo-sebaceo.

 

La parte centrale del capello chiamata corticale (cortex), la quale avvolge per interno la zona midollare e costituisce la maggior parte del fusto del capello. È la corticale che dà ai capelli le sue qualità speciali, come l'elasticità e robustezza, perché è ricca di filamenti di cheratina, per tutta la lunghezza del fusto e della parte del bulbo. Queste fibre sono fatte di cheratina di basso tenore di zolfo, e sono compresse in grandi fasci di fibre tenute insieme da una massa di cheratine ricche di zolfo, la matrice. La combinazione di fibra-matrice è estremamente forte e resiste allo stretching e ad altri stress, come le torsioni.

 

 

La corteccia contiene anche i granuli di pigmento melanico prodotti nella fase di crescita follicolare. I granuli di melanina sono di due tipi: eumelanina e feomelanina, la prima rende il capello scuro, mentre la seconda appartiene alle colorazioni bionde o rosse. In alcuni peli terminali grigi o bianchi, appartenenti alle ultime decadi di vita, la midollare può essere poco rappresentata o completamente assente creando una sorta di corticale con una camera d’aria centrale, diverse sono le ipotesi che possono spiegare questa situazione, ivi comprese quella di un reservoir di calore suppletivo dato dalla camera d’aria in alcune fasi della vita d’alcuni animali.

 

 

La cuticola, lo strato esterno dei capelli, è costituita da 6 a 10 strati sovrapposti di cellule lungo tutta la lunghezza del fusto. Ognuno di questi strati è di circa 0,3 micron di spessore, 100 micrometri di lunghezza e 10 micrometri di diametro.

 

Questo mosaico di strati si trova lungo la superficie del capello e del fusto, come le tegole di un tetto, con i loro bordi liberi diretti verso la punta. Una cuticola sana è molto più di uno strato protettivo. Gran parte del lustro che rende i capelli sani così attraenti è dovuto alla cuticola. Le cellule della cuticola intatte sono lisce e lucide, e riflettono la luce dalle loro superficie. Questo, insieme con il pigmento all'interno della corteccia, dona ai capelli il suo aspetto caratteristico.





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 19/11/2017