Indietro

L'isteroscopia diagnostica l'esame fondamentale per la salute della donna

clicca per votare





Isteroscopia Diagnosi con isteroscopia Isteroscopio Listeroscopio Ovulazione Isteroscopia e ovulazione


Scritto da

Francesco S. Cantù, giornalista pubblicista (Ordine giornalisti della Lombardia) tessera N° 118321


Pubblicato il 08/10/2009

Modificato il 08/10/2009

L’isteroscopia diagnostica è un esame per osservare il canale cervicale e della cavità uterina per scoprire eventuali patologie che possono causare i sintomi per i quali alla paziente è stato consigliato l’esame e se necessario si effettuano biopsie mirate. L’isteroscopia diagnostica si esegue con l’isteroscopio, uno strumento formato da un tubo con delle lenti collegate a un cavo di fibre ottiche connesso a sua volta a una fonte di luce alogena o allo xenon e a un tubo attaccato all’insufflatore del gas che serve per distendere la cavità uterina. Una telecamera collegata alle lenti trasmette le immagini su di un monitor che visualizzano la cavità uterina ingrandita. Durante l’isteroscopia si possono scattare delle foto che vengono poi consegnate alla paziente insieme al referto o eseguire una videoregistrazione.


Come detto, l’isteroscopia diagnostica permette di valutare il canale cervicale: ampiezza, caratteristiche dell’epitelio di rivestimento e la cavità uterina: ampiezza, conformazione, caratteri dell’endometrio, osti tubarici. Con l’isteroscopia diagnostica si possono visualizzare le patologie più frequenti che colpiscono la donna come i polipi endometriali, i miomi uterini, iperplasia endometriale, carcinoma endometriale, i polipi cervicali. Generalmente l’isteroscopia si effettua in ambulatorio senza anestesia.


Esiste anche l’isteroscopia operativa, una tecnica chirurgica che consente di curare patologie che una volta costringevano la donna a sottoporsi a interventi chirurgici mutilanti a livello fisico e psicologico come l’isterectomia, ossia l’asportazione dell’utero.L’isteroscopia operativa permette di operare direttamente nell’interno dell’utero senza aprire addome e senza lasciare ferite e cicatrici. L’isteroscopia operativa è relativamente nuova, ecco perché sono ancora pochi i chirurghi che la praticano. 


Domande più frequenti

1. Quando il ginecologo consiglia un’isteroscopia diagnostica?
In presenza di sanguinamenti uterini anomali, quando dopo l’ecografia pelvica si ha il sospetto di patologie quali polipi, fibromi, iperplasia, ecc., pap test ed esami citologici alterati.

2. Vi sono delle controindicazioni?
Le controindicazioni all’esame sono rappresentate dalla gravidanza e dalla flogosi, per il rischio di diffusione in senso ascendente dell’infezione.

3. Il sanguinamento è una controindicazione?
Più che altro è un ostacolo visivo, occorre effettuare l’isteroscopia quando il sanguinamento è terminato.

4. L’isteroscopia diagnostica è sempre un esame esatto?
La sua riuscita dipende dalla tecnica corretta utilizzata, da una strumentazione adeguata ed efficiente e dall’abilità dell’operatore. Ecco perché occorre sempre rivolgersi a specialisti seri.

5. Qual è il periodo migliore per sottoporsi all’isteroscopia diagnostica?
Il periodo migliore è nella fase postovulatoria in quanto il canale cervicale è più dilatato, il muco cervicale è limpido e incolore, le condizioni dell’endometrio sono ideali per lo studio della cavità uterina e degli osti tubarici. Durante l’esame la donna può avvertire dei fastidi legati alla dilatazione dell’utero, ma che solitamente passano dopo pochi minuti.

6. Quali sono i mezzi di distensione dell’utero utilizzati per l’isteroscopia diagnostica?
Per distendere l’utero e permettere l’esame diagnostico nelle condizioni migliori si utilizza gas e più precisamente l’anidride carbonica, fisiologica per l’organismo ed esente da rischi. I mezzi di distensione liquidi sono vari, ma oggi quello più utilizzato è una soluzione salina (sol.fisiologica).

7. Perché l’isteroscopia diagnostica è così utile?
Perché permette delle diagnosi precoci anche di tumori dell’endometrio.

8. Perché l’isteroscopia operativa è ancora poco praticata?
Perché è una tecnica che richiede un lungo e impegnativo training per essere applicata con competenza e sicurezza.

9. Come si esegue l’isteroscopia operativa?
Può essere eseguita in ambulatorio e senza anestesia in caso di patologie lievi quali biopsie, piccoli polipi o fibromi, isolate aderenze intrauterine, con dimissione immediata. Per patolgie più gravi, quali grossi polipi, fibromi sottomucosi, utero setto, sanguinamenti uterini persistenti che richiedono una ablazione endometriale chirurgica o termica, si esegue in sala operatoria e in anestesia generale in regime di day hospital, ossia senza degenza e con dimissione nell’arco della stessa giornata.

10. Quali sono i vantaggi dell’isteroscopia operativa?
Per prima cosa conserva l’utero e le mestruazioni, fattore non secondario per le donne in età fertile. In secondo luogo, come detto, non necessita di tagli o incisioni, il che significa che l’operazione non lascia ferite e cicatrici.




Fonti:

Rook A. "Textbook of Dermatology" - Fourth Edition Blackwell Scientific Publ. 1986
Caputo R., Monti M. "Manuale di Dermocosmetologia Medica" - Raffaello Cortina Editore 1995
A. Haynal, W.Pasini "Medicina Psicosomatica" - Ed. Masson, 1999
Crepaldi C., Baritussio A. "Trattato di Medicina Interna" - Ed. Piccin Nuova Libraria S.P.A., 2002
Beers M.H. "Il Manuale Merck per la Salute" - Raffaello Cortina Editore 2003
Kidd E.A.M., Smith B.G.N., Watson T.F.  "Pickerd's Manual of Operative Dentistry" - Eighth Ed. Oxford Univ. Press 2003
Janis J. E. "Essentials of Plastic Surgery" - QMP, Inc. 2006
Jackson T.L. "Moorfields Manual of Ophthalmology" - Mosby Elsevier Ed. 2007
Caruso A. "Manuale di ginecologia ed ostetricia" - CIC Ed. Intern. 2008
Harrison's "Principles of Internal Medicine" - Mc Graw-Hill Ed. 2008
AA.VV. "Enciclopedia della medicina" - De Agostini 1990
Rothenberg Robert E. "Enciclopedia della medicina" - Garzanti 1998
Galimberti U. "Enciclopedia di psicologia" - Garzanti 1999





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 07/12/2016