Indietro

Alimentazione e dispesia ovvero cattiva digestione

clicca per votare







Scritto da

Rachele Sardella


Pubblicato il 21/06/2015

Modificato il 21/06/2015

Alimentazione e dispesia ovvero la cattiva digestione. Normalmente la digestione dovrebbe avvenire rapidamente e in maniera efficiente, in modo da poter trarre dal cibo che viene mangiato, il massimo valore nutrizionale.
Se la digestione è troppo lenta, il cibo non digerito può fermentare all’interno dell’apparato digerente provocando disturbi e insufficiente assorbimento dei nutrienti.
Questi disturbi sono in genere passeggeri, e legati a cause diverse dalla sola alimentazione sbagliata. Tuttavia un po’ di attenzione alla dieta non guasta. Ma se la cattiva digestione è prolungata e sia ggiungono, dimagrimento, nausea e vomito, è meglio consultare il proprio medico per fare degli accertamenti sulle cause dei disturbi.

In linea generale si può mangiare un po’ di tutto, purché senza eccessi:
- i cibi più digeribili devono essere comunque poco grassi
- tutti i cibi devono essere ben cotti e non insipidi
- per condire usare solo l’olio di oliva
- e non eccedere con salse e creme.

Consigli utili e pratici se si soffre di cattiva digestione
Più che di alimenti consigliati o da evitare si tratta di comportamenti che si possono fare o che non si possono fare mangiando.

Da non fare
- Non masticare: spesso si mangia troppo in fretta, ma la masticazione è fondamentale per la digestione, non farlo correttamente ostacola tutti i successivi passaggi del processo digestivo.
- Mangiare troppo: più si mangia, meno l’apparato digerente riuscirà a digerirlo completamente.
- Bere molto durante i pasti: troppi liquidi possono provocare una diluizione delle secrezioni (acido gastrico, enzimi digestivi e bile) che favoriscono la digestione.
- Mangiare tardi: la digestione rallenta alla fine della giornata.
- Non mangiare mentre si lavora: lo stress non aiuta.
- Non mangiare troppo in fretta e in piedi: se possibile è meglio mangiare seduti e con calma, gustando bene il cibo.

Da fare
- Masticare bene il cibo ricordando che ogni boccone di cibo dovrebbe essere masticato 20-30 volte
- Mangiare poco e spesso per non sovraccaricare l’apparato digestivo
- Rendere appetitosi i pasti, la vista e l’odore di un piatto saporito stimolano le secrezioni e quindi aiutano la digestione

Pertanto per ulteriori consigli per avere una corretta alimentazione in caso di dispesia ovvero cattiva digestione, rivolgetevi al vostro medico.



Fonti:

- Ministero della Salute (www.salute.gov.it)
- INRAN (www.inran.it)
- SINU Società Italiana Nutrizione Umana (www.sinu.it)
- EUFIC European Foundation of food information (www.eufic.org)
- ADI Associazione dietisti italiani (www.andid.it)
- ISS Epicentro Istituto Superiore di Sanità (www.iss.it)
- AMDI Associazione italiana medici diabetologi (www.aemmedi.it)

- Food Choices and Coronary Heart Disease: A Population Based Cohort
Study of Rural Swedish Men with 12 Years of Follow-up
Sara Holmberg, Anders Thelin and Eva-Lena Stiernström
Int. J. Environ. Res. Public Health 2009, 6, 2626-2638; doi:10.3390/ijerph6102626

- Children's liking and wanting of snack products: Influence of shape and flavor
Djin G Liem and Liesbeth H Zandstra
International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity 2009, 6:38





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 04/12/2016