Indietro

Obesità: accumulo eccessivo di grasso

clicca per votare





Pazienti obesi Pazienti obesi Fattori ereditari Fattori ereditari Abitudini alimentari errate Abitudini alimentari errate


Scritto da

Rachele Sardella


Pubblicato il 05/07/2010

Modificato il 05/07/2010

Si arriva all’obesità quando nei tessuti sottocutanei si accumula una quantità eccessiva di grasso. In genere un paziente si definisce obeso quando il suo peso supera del 20 per cento quello considerato normale per un soggetto di statura e corporature analoghe. L’accumularsi del grasso è dovuto all’ingestione di quantità di cibo superiori a quelle indispensabili per produrre l’energia necessaria per lo svolgimento delle attività giornaliere.

 

Perché si diventa obesi
In alcuni casi l’obesità è un fattore ereditario: si stima che i figli di genitori obesi nel 40-80% dei casi svilupperanno lo stesso problema. In altri casi, si può diventare obesi per disturbi alimentari oppure per abitudini alimentari errate come l’assunzione di cibi fuori pasto (bevande dolci, merendine, gelati), elevato consumo di alimenti fritti, insaccati, formaggi, carni grasse, dolci e bevande gassate, scarso consumo di frutta e verdura; in altri casi ancora l’obesità può derivare da problemi ormonali.

 

Parola d’ordine: dimagrire!
L’obesità rappresenta la malattia nutrizionale più diffusa degli ultimi anni, con un'incidenza particolarmente alta nei Paesi occidentali, detti appunto “del benessere”. Nella maggior parte dei casi l’obesità non porta solo disturbi, ma anche altre gravi patologie come ipertensione, malattie cardiovascolari (ictus) e diabete, spesso causa di mortalità. La prima terapia consigliata per guarire è dimagrire, possibilmente seguiti da un dietologo che dia le regole base per una nutrizione corretta. Esiste anche la possibilità di inserire un palloncino intragastrico nello stomaco per dare una sensazione di pienezza e invogliare il paziente a mangiare di meno: è una tecnica non chirurgica perché il palloncino viene introdotto attraverso il cavo orale. La tecnica del palloncino, perché abbia buon esito, deve essere associata a una dieta ipocalorica bilanciata e a un programma integrato di attività fisica e terapia comportamentale.
Nei casi in cui invece si renda necessario il ricorso alla chirurgia, la tecnica più utilizzata è quella del bendaggio gastrico: è un intervento restrittivo che consiste nel posizionamento di un anello di silicone attorno alla parte superiore dello stomaco, in prossimità dell'esofago.
L'obesità va a maggior ragione curata per tempo quando insorge in età infantile: nei bambini e negli adolescenti, infatti, oltre a provocare uno sviluppo scorretto, con predisposizione a patologie future, può innescare anche problemi psicologici e relazionali di ansia e depressione.



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 09/12/2016