Indietro

Intolleranza sorbitolo : intolleranza alimentare al sorbitolo, zucchero non assimilabile

clicca per votare





Chewing gum senza zucchero Il sorbitolo nei chewing gum Sorbitolo bevande Bevande light Intestino Zucchero non assimilato dall'intestino


Scritto da

Rachele Sardella


Pubblicato il 06/08/2010

Modificato il 06/08/2010

Le intolleranze alimentari agli zuccheri come il lattosio, il fruttosio e il sorbitolo sono dovute a un deficit enzimatico. Questi zuccheri sono composti dall’unione di due zuccheri semplici (per questo sono detti disaccaridi) e, a causa dell’assenza o dell’inefficacia di un enzima, non vengono scissi nei loro costituenti monosaccaridi in fase di digestione; per questo motivo non vengono assimilati e vengono fermentati dalla flora batterica causando diversi disturbi gastrointestinali, come diarrea, sindrome del colon irritabile, flatulenza, ecc. Sono le manifestazioni dell'intolleranza allo zucchero, e tra le sue forme ci può essere l'intolleranza al sorbitolo.

 

Attenzione al sorbitolo nelle caramelle.
Tra i carboidrati dolci, il sorbitolo in natura si trova nella frutta, ma anche in alcuni tipi di caramelle e chewing gum “senza zucchero” o bevande light. I prodotti a base di sorbitolo sono noti come prodotti senza zucchero perché lo zucchero non viene assorbito dall’intestino e per questo non fornisce calorie, ma proprio perché il sorbitolo non viene assorbito, può dare luogo a un'intolleranza alimentare e a diversi disturbi gastrintestinali, abbastanza simili a quelli dati dall’intolleranza al glutine, ma non per questo da confondere. Occorre quindi fare attenzione a questi particolari prodotti senza zucchero, perché soprattutto nei bambini piccoli, possono causare fastidiosi episodi di intolleranza al sorbitolo.

 

Diabete e sorbitolo.
Non c'è solo l'intolleranza al sorbitolo. Questo zucchero ha infatti anche una valenza positiva: può essere consumato dalle persone affette da diabete come sostituto dello zucchero normale. Più precisamente il sorbitolo fa parte dei polioli, una sostanza che come tutti i polialcoli non è insulinogeno, cioè non produce insulina. Il problema è che di per sé il sorbitolo provoca diarrea, perché non agisce a livello dell’intestino: occorrre quindi fare attenzione alla quantità di sorbitolo consumata.



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 06/12/2016