Indietro

Diabete mellito: carenza o azione difettosa di insulina che regola la glicemia

clicca per votare





Diabete mellito Diabete mellito Terapia Terapia Conseguenze del diabete Conseguenze del diabete


Scritto da

Rachele Sardella


Pubblicato il 05/07/2010

Modificato il 05/07/2010

Il diabete mellito è un’alterazione nel metabolismo dei carboidrati in cui gli zuccheri dell’organismo non si ossidano e quindi non producono energia per mancanza dell’ormone insulina, prodotto dal pancreas. L’accumulo di zucchero determina la presenza dello stesso nel sangue (iperglicemia) e poi nelle urine; i sintomi del diabete mellito sono rappresentati da sete, dimagrimento e produzione eccessiva di urina. Il ricorso ai grassi, quale fonte energetica alternativa, provoca disordini dell’equilibrio acido-base, l’accumulo di chetoni nel sangue (chetosi) e infine delle convulsioni, fenomeni che precedono il coma diabetico.

 

Il diabete nelle sue forme
Sembrerebbe che il diabete mellito sia una patologia ereditaria, ma la malattia può essere scatenata anche da diversi fattori, compreso uno stress fisico. Il diabete giovanile che compare durante l’infanzia o l’adolescenza solitamente è più grave rispetto a quello che insorge verso la mezz’età o la vecchiaia. Esistono due tipi di diabete mellito: il diabete tipo 1, o diabete insulino-dipendente, che si può manifestare nell’età infantile ed è dovuto alla scarsa o assente produzione di insulina, causata da distruzione delle cellule del pancreas che la producono; il diabete tipo 2, dovuto a diminuita tolleranza al glucosio, tipico degli adulti.

 

Curare il diabete mellito
La terapia prevede una dieta molto rigida con un’alimentazione basata sull’apporto di carboidrati adeguato alle esigenze dell’organismo, e la somministrazione di iniezioni di insulina o di altri farmaci da prendere per bocca, per far abbassare il tasso di glucosio nel sangue. Un’alimentazione che non sia equilibrata o la somministrazione di dosi inadeguate di insulina determinano uno stato di ipoglicemia. Nel tempo il diabete mellito può comportare delle complicanze come l’ispessimento delle arterie, comprese quelle degli occhi (retinopatia diabetica).



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 11/12/2016