Indietro

Diarrea acuta: terapia omeopatica

clicca per votare





Diarrea acuta Diarrea acuta


Scritto da

Dott.ssa Maria Letizia Primo


Pubblicato il 28/01/2014

Modificato il 28/01/2014

La diarrea è una reazione scatenata dall’intestino per liberarsi dalle tossine e dai microrganismi che esercitano un effetto irritante sull’apparato digestivo e, di conseguenza, su tutto l’organismo. Come per la febbre, anche per la diarrea è consigliato favorire l’emissione di feci che, nella maggior parte dei casi, si arresta quando l’intestino si ripulisce, cioè nell’arco di qualche ora o di 1 o 2 giorni.

Il discorso cambia per la diarrea acuta: si definisce acuta una dissenteria che dura almeno 3 settimane.

Nel bambino, la diarrea è una condizione frequente e pericolosa per il rischio di disidratazione. la causa più ordinaria di diarrea infantile è il rotavirus, un virus che si accompagna a vomito e appunto diarrea e che può costringere il bambino a un ricovero ospedaliero.
Un altro virus responsabile della dissenteria infantile è l’escherichia coli, soprattutto nelle nursery o dopo un viaggio. Invece, la dissenteria che interessa i bambini iscritti alla scuola materna o all’asilo, dipende dalla giardia, la shigella ed il campylobacter.

 

Il protocollo omotossicologico contro la diarrea acuta prevede il ricorso a diversi farmaci naturali a seconda delle caratteristiche del disturbo.
 Tormentilla heel assorbe ed elimina le omotossine prodotte dalla fermentazione nell’intestino tenue e dalla putrefazione nell’intestino crasso, in più agisce contro le omotossine esogene introdotte con i cibi deteriorati. Di Tormentilla Heel si assume 1 compressa dopo ogni scarica fino a 8 compresse nelle 24 ore, e questo dosaggio serve sia come assorbente nelle tossicosi di diverso tipo, sia nei casi di dispepsia, diarrea, dissenteria e  gas intestinale da cui possono derivare disturbi gastro-intestinali ed epato-pancreatici. Se il lattante ha diarrea mentre la madre soffre di disturbi gastroenterici, bisogna somministrare direttamente al bambino 2-3 compresse al giorno di Tormentilla Heel sciolte in un cucchiaino di latte materno o di tisana di finocchio o di malva.

Veratrum homaccord si usa quando alla diarrea acuta si associa pallore e debolezza. Si possono somministrare 40 gocce in un bicchiere di acqua da prendere a cucchiaini a digiuno durante il giorno. Questo rimedio riduce efficacemente la frequenza delle scariche, agisce sugli spasmi ed ha azione tonica generale.

Echinacea compositum fiale nella diarrea infettiva stimola la reattività immunitaria alla dose di una fiala da bere ogni 8-12 ore a seconda della gravità. 
Mucosa compositum 1 fiala al giorno per 10 giorni riequilibra la funzionalità della mucosa gastrointestinale alterata dall’infezione.
Colostro noni è efficace nelle diarree di origine infettiva, da ingerire fino a 3 bustine al giorno sciolte direttamente in bocca: il colostro bovino contiene zuccheri in grado di attrarre e legare diversi tipi di patogeni tra cui Streptococcus pneumococci, E. coli, Salmonelle, Entomoeba, Cryptosporidia, Giardia, Shigella, Clostridium difficile.
Enterosgel elimina le tossine dei germi e riduce le scariche. Basta 1 cucchiaino 3 volte al giorno nei bimbi fino a 6 anni, poi 1 cucchiaio 3 volte al giorno da sciogliere in poca acqua da somministrare lontano dagli altri farmaci.

Aconitum homaccord utile nelle diarree febbrili, soprattutto se repentine e causate da esposizioni al freddo. È preferibile iniziare la terapia con 10 gocce ogni ora. Questo farmaco è sufficiente a risolvere l’attacco acuto ma, in caso contrario, dopo qualche somministrazione si sostituisce o si alterna l’Aconitum-Homaccord con il Veratrum- Homaccord gocce

 

Podophillum 5 ch è il rimedio omeopatico per la diarrea classica dell’infanzia conseguente ad errori alimentari o dopo aver preso freddo al pancino; sono consigliati 3 granuli di medicinale ogni ora.

Colocynthis 5 ch è il rimedio per la diarrea con dolori acuti e crampi, spesso questo farmaco si associa Magnesia carbonica e phosporica.

Aconitum 4 ch blocca la scarica di diarrea causata dal freddo all’addome.

Chamomilla 5ch è il rimedio adatto alle scariche di diarrea della durata di qualche giorno e correlate all’eruzione dei dentini.

China 4ch è da usare contro la diarrea acquosa senza dolore ma accompagnata da uno stato di debolezza sia prima che dopo le scariche.

Pyrogenium nosode contro la diarrea dall’odore fetido e associata a febbre per gastroenterite o influenza.

Ipeca 5 ch si usa quando oltre alla diarrea ci sono vomito, nausea, sudorazione, e pallore.

 

I farmaci appena elencati sono alcuni dei rimedi naturali per la maggior parte delle diarree acute; sono rimedi risolutivi nel giro di 2-3 giorni, dopo di che può subentrare un periodo di stipsi che non va contrastato ma tenuto sotto controllo anche attraverso l’assunzione di fermenti lattici almeno per un mese. Per esempio è consigliata l’assunzione di Proflora: una bustina sciolta in acqua durante il pasto serale.

Cosa mangiare se si ha la diarrea?

Di certo il classico riso non integrale, la banana che oltre ad essere astringente è una fonte di potassio e di calorie utile per contrastare il deperimento e la perdita di minerali, la carota anche sotto forma di centrifugato insieme all’arancia e al limone, il latte di mandorle dolci, di nocciolo o di riso, il succo di prugnolo. E ancora si può ingerire il miele, o meglio la propoli che oltre ad un’azione nutritiva ha un effetto antibiotico, utilissimo nel caso di diarrea e diarrea acuta.
È inoltre nota l’azione astringente del tè verde, soprattutto nelle diarree infantili: si prepara un infuso e si fanno assumere almeno 3-4 tazze al giorno dolcificate con miele. La pectina presente nella buccia dei agrumi, mele, carote, patate e pomodori è molto utile nell’alleviare i sintomi della diarrea: in questo caso, è opportuno scegliere sempre frutta biologica.

Effetti della diarrea. La diarrea può indurre ipoglicemia, disidratazione o squilibrio elettrolitico, fenomeni che possono essere particolarmente pericolosi, soprattutto negli anziani indeboliti e nei bambini piccoli. Se la situazione resta sotto controllo si può provare una soluzione reidratante di facile preparazione: in un litro d’acqua minerale non gasata, aggiungere un cucchiaino di sale rosa dell’Himalaya, un cucchiaio di miele pauper di cardo stellato e un limone o un’arancia spremuta. Al contrario, se la diarrea acuta o no ha provocato effetti preoccupanti, è necessario rivolgersi al medico o a una struttura sanitaria.



Fonti:

Per saperne di più
1. Perugini Billi probiotica e medicina biologica nella terapia delle principali patologie gastrointestinali La Med biologica 3/2001 pag 35-44
2. Ivo Bianchi pediatria ed omotossicologia Guna Ed 1996
3. L’omotossicologia nelle patologie gastrointestinali Atti del XIV congresso nazionale di omotossicologia e medicina biologica MI-Roma giugno 1999
4. Dr. F. A. Graf von Ingelheim Omotossicologia nell’infanzia indicazioni e limiti La Med Biologica 3/95 pag 30-35
5. VALERIO N. – Manuale di terapie con gli alimenti. Mondadori. 1995
6. Gaetano Miccichè omeopatia e pediatra Tecniche nuove 1995
7. Max Tetau La materia medica omeopatica clinica e associazioni terapeutiche IPSA Ed 1986





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2012 - 2013
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Aggiornato al 20/09/2014